Blitz quotidiano
powered by aruba

Marijuana a uso terapeutico…per cani e gatti: è boom

ROMA – La marijuana a scopo terapeutico è ormai una cura sempre più comune per un grande numero di persone, che hanno deciso di affidarsi a questo tipo di trattamento anche per il proprio amico peloso. Diversi prodotti per animali, a base di marijuana, stanno spopolando sul mercato di quei paesi che hanno legalizzato la pianta per uso medico.

Il New York Times ha raccolto alcune testimonianze di persone che provano a curare il quattro zampe con la sostanza: Lisa Mastramico di Long Beach, California, spiega che l’erba “funziona a meraviglia” per l’artrite della sua gattina Little Kitty. Il felino passava le giornate nell’armadio, ma la donna ha ottenuto la tessera che le permetteva di acquistare marijuana terapeutica e comprare una speciale tintura realizzata per gli animali. “Little Kitty è miracolosamente rinata. Quando gliel’ho somministrata, non faceva cose strane tipo addormentarsi con il muso nella ciotola o altri bizzarri comportamenti, anzi. Usciva a socializzare, voleva essere accarezzata. E’ un cambiamento davvero notevole” spiega la padrona.

Un’altra amante degli animali, Maria Ellis Perez, dalla Florida, racconta di aver pensato che il suo cane, Ricochet, avesse ormai vita breve. Il cane aveva smesso di mangiare e soffriva di vari problemi di salute, così la padrona ha deciso di tentare con dei piccoli biscotti dove, oltre ad altri ingredienti come zucca e olio di cocco, è presente una piccola parte di olio di marijuana. Dopo qualche giorno il cane, con grande sorpresa della padrona, ha ripreso a mangiare.

La quantità assunta dall’uomo non può essere la stessa per gli animali, e Steve Blauvelt, veterinario dell’Oregon, racconta che dopo la legalizzazione sono aumentati i casi di cani o gatti che vengono portati al pronto soccorso per aver ingerito dei biscotti all’hashish o cannabis. Molti veterinari non approvano la scelta di dare questa sostanza agli animali, ma Stephen Katz, che opera a New York, ha raccontato di aver curato molti casi di pit-bull affetti da ansia e crisi di abbandono, proprio con la marijuana.