Blitz quotidiano
powered by aruba

Marò, India apre sul ritorno di Salvatore Girone in Italia

ROMA – Possibile svolta nel caso marò: l’India ha aperto ufficialmente alla possibilità che Salvatore Girone rientri in Italia in tempi brevi, forse già entro un mese. Giovedì a L’Aja, dov’è in corso l’arbitrato internazionale che entro quattro anni dovrà decidere dove si terrà il processo a carico dei due fucilieri italiani, gli avvocati di parte indiana hanno chiarito ai giudici che Nuova Delhi ha bisogno della “assicurazione che sia garantita la presenza di Girone” in India nel caso il tribunale decida che lì si terrà il processo.

In pratica, Girone potrebbe tornare in patria in attesa del verdetto arbitrale dietro la promessa di farlo tornare in India quando il processo inizierà davvero.

Girone e Massimiliano Latorre (già in Italia per motivi di salute) sono accusati di aver ucciso due pescatori indiani nel corso di un’operazione anti-pirateria il 15 febbraio 2012. La parola definitiva sull’eventuale rientro la metteranno i giudici dell’Aja, e anche per questo il rappresentante del governo italiano Francesco Azzarello ha commentato con cautela.