Blitz quotidiano
powered by aruba

Michael Jackson, Conrad Murray: “I suoi segreti erano…”

LOS ANGELES – I segreti di Michael Jackson erano un peso per il cantante. Conrad Murray, il medico che prescrisse il propofol al re del pop e che è stato condannato a 4 anni con l’accusa di omicidio colposo, ha pubblicato un libro in cui racconta la “vita segreta” e il suo tempo passato con il cantante. Tra libro e interviste il medico ha anche raccontato che non ha mai lasciato suo figlio da solo con Jackson, soprattutto dopo che il cantante gli aveva accarezzato i capelli dicendo: “Sei proprio un bel bambino”.

Il libro dal titolo “This is it! La vita segreta del dottor Conrad Murray e Michael Jackson”, conterebbe rivelazioni importanti sul re del pop, morto ormai 7 anni fa. Murray ha dichiarato al Daily Mail di non essere stupito del ritrovamento di materiale pedografico nella casa del cantate e che quando Jackson ha mostrato interesse per il figlio, chiedendo una foto da tenere in camera con lui, ha capito di non dover mai lasciare il bimbo solo in sua presenza.

Murray racconta che Michael Jackson pensava di essere un veggente e sottolinea che lo stesso cantante voleva che il suo libro fosse scritto:

“È per questo che ho deciso di scrivere un libro, sono sette anni ormai dal momento in cui tutto è cominciato, questa enorme catastrofe della mia vita e la scomparsa di Michael”.

Il medico accusa il re del pop di non averlo messo al corrente dei suoi problemi di droghe e di aver così compromesso la sua carriera e la sua vita. Murray dice di essere un capro espiatorio, colui che la famiglia Jackson ha voluto incolpare e che pensava solo ai soldi. Gli unici che salva nel suo attacco sono i suoi tre figli, Paris, Prince e Blanket, sottolineando che gli piacerebbe incontrarli.

 


PER SAPERNE DI PIU'