Blitz quotidiano
powered by aruba

Migranti, 41 corpi su spiaggia in Libia. Nuovi sbarchi in Italia

TRIPOLI – Giornata di sbarchi, di arresti, di vittime sul fronte migranti. Questa mattina, 24 luglio, a Messina sono sbarcate 375 persone, fra loro anche sei bambini e un neonato. A Cagliari è arrivata questa mattina la nave mercantile norvegese con a bordo i 931 migranti soccorsi giovedì e venerdì al largo delle coste della Libia.

A Vibo Valentia (dove la nave militare irlandese “James Joyce” ha condotto 622 profughi) la polizia – con la collaborazione del gruppo aeronavale della GdF – ha fermato due presunti scafisti, probabilmente di nazionalità somala e nigeriana, che avrebbero condotto, dalle coste della Libia fino a limite delle acque territoriali italiane, un barcone con circa 400 migranti a bordo; nel vano motore, i corpi senza vita di 15 uomini e di un ragazzino, deceduti per asfissia e per le gravi ustioni procurati dalla fuoriuscita di carburante.

Intanto i corpi di 41 migranti, annegati nel tentativo di raggiungere l’Italia, sono stati rinvenuti su una spiaggia di Sabratha, sulla costa della Libia occidentale. Una fonte locale ha spiegato che “un gruppo di volontari ieri ha recuperato i corpi, trasferiti presso il centro di medicina legale per il prelevamento del dna”. I migranti sarebbero morti cinque o sei giorni fa. Il ritrovamento di un numero così alto di cadaveri in un solo giorno va considerato come un evento eccezionale.


TAG: ,