Cronaca Mondo

Migranti, gommoni cinesi low cost venduti sui siti di e-commerce

Migranti, gommoni cinesi low cost venduti sui siti di e-commerce
Migranti, gommoni cinesi low cost venduti sui siti di e-commerce

Migranti, gommoni cinesi low cost venduti sui siti di e-commerce

ROMA – Gommoni cinesi low cost venduti a prezzi stracciati sui siti di e-commerce, come Alibaba, l’omologo di Amazon in Cina. I trafficanti non devono fare neppure troppa fatica per trovarli: basta digitare sul motore di ricerca “refugee boat” o “inflatable boat, refugee edition”. Tutti ovviamente prodotti con materiali di scarsissima qualità. Nonostante le ripetute denunce, le società cinesi che li producono continuano ad operare indisturbate.

Come riporta il Corriere della Sera:

Dalla Cina, le refugees boat passano da Malta, dove le tariffe doganali sono tra le più basse al mondo. A portare alla luce questo traffico anche WikiLeaks nel febbraio 2016. L’organizzazione di Julian Assange ha diffuso un rapporto siglato nel 2015 dall’ammiraglio Enrico Credendino, a capo della missione Eunavfor Med, l’operazione Sophia, indirizzato a Bruxelles nel quale spiega il modello di business dei trafficanti libici. «I gommoni sono usati nei due terzi dei casi», scrive Credendino

Si va dai 500 ai mille dollari, per barche che non sono sicure neppure in un piccolo bacino d’acqua. I trafficanti le acquistano su internet con carte di credito prepagate e ci ammassano su gruppi di 200 persone, nonostante la capienza consigliata sia di massimo 60 passeggeri.

Alcune pubblicità per pudore, mostrano foto di modelle cinesi sui gommoni. Altre invece utilizzano direttamente le immagini drammatiche dei naufragi nel Mediterraneo. In genere l’acquisto è vincolato a quantitativi minimi, ma i trafficanti non hanno certo questo tipo di problemi.

To Top