Cronaca Mondo

Mondiali 2018. Arabia Saudita rifiuta minuto silenzio in Australia per vittime attentati Londra

ROMA – Mondiali 2018. Arabia Saudita rifiuta minuto silenzio in Australia per vittime attentati Londra. Quando lo speaker dello stadio ha chiamato ad un minuto di silenzio per le vittime dell’attentato di Londra, i giocatori della nazionale australiana si sono uniti al ricordo degli otto morti sul London Bridge e al Borough Market, due dei quali proprio australiani. I loro avversari dell’Arabia Saudita, invece, hanno fatto come se nulla fosse, ignorando la solennità del momento.

“Non fa parte della nostra cultura”, è stata la spiegazione, che tuttavia non ha impedito la polemica. Con Matteo Salvini che è stato durissimo: “Incredibile! I giocatori dell’Arabia Saudita in trasferta in Australia si rifiutano di partecipare al minuto di silenzio per le vittime di Londra…! Che dialogo si può avere con questo Islam? Vergognatevi!”, ha scritto il segretario della Lega.

E’ successo ad Adelaide, prima del fischio d’inizio della partita di qualificazione dei Mondiali di calcio del 2018. Impietoso il video dell’evento, che mostra i giocatori in maglia gialla della squadra di casa, allineati in piedi a centrocampo e abbracciati fra loro mentre osservano il silenzio insieme alle migliaia di tifosi in piedi sugli spalti. Dall’altra parte, invece i giocatori sauditi in maglia bianca, incuranti, che si scaldano in campo.

Mentre i compagni di squadra in panchina restavano comodamente seduti. I sauditi erano a conoscenza del minuto di silenzio, su cui non avevano mosso obiezioni, anche se avevano preavvertito che non vi avrebbero partecipato perché “questa tradizione non è in linea con la nostra cultura” e che avrebbero rispettato il “costume” locale “prendendo posizione” nella loro parte di campo. Il loro rifiuto, tuttavia, ha comunque suscitato sdegno sui social media. “Sarebbe stato bello se i nostri avversari avessero mostrato un po’ di rispetto al centro del campo durante il minuto di silenzio, non era difficile”, è stato uno dei tweet di internauta australiano.

La Federazione calcistica saudita si è scusata per “ogni offesa causata” dai suoi giocatori: In una nota la Federazione saudita si dice “dispiaciuta e pentita e si scusa senza riserve per ogni offesa causata”. “I giocatori – afferma – non intendevano mancare di rispetto alle vittime o ferire le loro famiglie e amici colpiti dalle atrocità”. “La Federazione calcistica dell’ Arabia Sauidita condanna ogni atto di terrorismo ed estremismo, ed estende le sue sincere condoglianze alle famiglie di tutte le vittime”. La Federazione australiana ha detto che il management della squadra saudita sapeva fin dall’inizio che sarebbe stato proposto un minuto di silenzio, e aveva annunciato, già prima della partita finita 3-2 per l’Australia, che non vi avrebbe partecipato.

To Top