Cronaca Mondo

O.J. Simpson rischia di non ottenere la libertà condizionata. “Toccarsi” in cella è vietato in Usa

O.J. Simpson rischia di non ottenere la libertà condizionata. "Toccarsi" in cella è vietato in Usa

O.J. Simpson rischia di non ottenere la libertà condizionata. “Toccarsi” in cella è vietato in Usa

ROMA – O.J. Simpson rischia di non ottenere la libertà condizionata. “Toccarsi” in cella è vietato in Usa. Dopo oltre otto anni passati in prigione in Nevada in seguito ad una condanna a 33 anni per rapina a mano armata, O.J. Simpson potrebbe tornare in libertà. Ma c’è un grosso imbarazzante ma. Spera infatti nella libertà condizionata l’ex star del football americano che ha 70 anni, diventato noto in tutto il mondo con il processo del 1995 in cui era accusato dell’omicidio dell’ex moglie Nicole Brown Simpson e dell’amico Ronald Goldman, accuse dalle quali fu poi scagionato.

Solo che il prossimo giovedì dovrà  comparire in videoconferenza dal Lovelock Correctional Center per sottoporsi alle domande di coloro che valuteranno se concedergli la libertà condizionata o meno dopo anni di reclusione in cui gli viene riconosciuta la buona condotta. E qui potrebbero sorgere ostacoli insormontabili. In carcere c’è il divieto assoluto di attività sessuali, compresi baci e carezze: O.J. però è stato beccato da un secondino donna mentre si masturbava in cella.

In molti stati la masturbazione è considerata una violazione del ’Prison Rape Elimination Act’ legiferato nel 2003, ma è discrezionale, dipende dall’agente penitenziaria stabilire se la masturbazione sia stata intenzionale o meno. Ci sarà una audizione in cui il detenuto fornirà la sua versione dei fatti. La punizione va da una semplice nota di cattiva condotta alla negazione delle ore ricreative, e oltre. (Dagospia)

To Top