Blitz quotidiano
powered by aruba

Pakistan: sposa non è vergine, la strangola la prima notte

ROMA – Ha strangolato la moglie perché, la prima notte di nozze, si è accorto che non era vergine. E’ finita così, a 19 anni, la vita di Khanzadi Lashari, una ragazza pakistana di appena 19 anni. Le nozze col cugino Qalandar Baksh Khokhar, 32 anni, sono state celebrate a fine marzo nella città di Jacobabad. Ma il padre e il fratello della sposa si sono insospettiti quando la mattina dopo la fatidica prima notte hanno cercato, senza successo, di sentirla al telefono. Anche lo sposo era irrintracciabile e i due non rispondevano nemmeno alla porta di casa.

I parenti di Khanzadi hanno così forzato la porta facendo l’orribile scoperta. La 19enne era stesa sul letto, con ancora l’abito da sposa addosso. Un segno scuro al collo: la poveretta era stata strangolata. La polizia ha subito aperto un’indagine e ha rintracciato lo sposo fuggitivo grazie al segnale del cellulare. Qalandar è stato trovato con un proiettile nella gamba, un dettaglio che non è ancora stato chiarito. Portato in ospedale è stato curato e poi trasportato in carcere: dovrà rispondere di omicidio volontario. Il ragazzo già al primo interrogatorio ha ammesso la sua responsabilità: ha ucciso la giovane moglie quando ha capito che non era vergine, a quel punto si è arrabbiato e l’ha strangolata con una fascia del suo abito da sposo.

I parenti della ragazza hanno spiegato che non si trattava di un matrimonio combinato, che i due ragazzi erano contenti di sposarsi e infatti la cerimonia era stata una bella festa per tutti. Poi, il giorno dopo, l’amara scoperta.

 


TAG: ,