Blitz quotidiano
powered by aruba

Petrolio. Bloomberg, Ryad frena su congelamento produzione

USA, NEW YORK – L’ Arabia Saudita congelerà la sua produzione di petrolio solo se l’Iran e gli altri grandi produttori faranno lo stesso. E’ il monito, lanciato in un’intervista a Bloomberg, del principe saudita Mohammad bin Salman.

“Se tutti i Paesi si accordano sul congelamento della produzione, noi siamo pronti” ha spiegato il vice principe ereditario.

“Se c’è qualcuno che decide di aumentare la sua produzione – ha aggiunto – allora consideremo eventuali opportunità che dovessero presentarsi alla nostra porta”. Le dichiarazioni hanno fatto sprofondare nella nottata il petrolio, che ha ceduto oltre il 4% con il brent sceso fino a 38,55 dollari e il wti fino a 36,72 dollari.

L’avvertimento anticipa il meeting di Doha del 17 aprile, che vedrà i Paesi produttori attorno a un tavolo nel tentativo di trovare un accordo sulla produzione. L’Iran, che sta recuperando le quote di mercato perse nel periodo delle sanzioni, sembra intenzionata a continuare ad aumentare la sua produzione.