Blitz quotidiano
powered by aruba

Philadelphia, agguato contro polizia: feriti due agenti e tre passanti, morta una donna

PHILADELPHIA – Era motivato dall’odio per la polizia l’uomo che a Philadelphia ha teso un agguato ad una agente ferendo poi un suo collega e tre civili (uno dei quali poi morto), prima di essere ucciso dalle forze dell’ordine in un conflitto a fuoco.

Gli investigatori, riporta Usa Today, hanno trovato nella sua abitazione una sua lettera ”farneticante” in cui l’autore delle sparatorie, non ancora identificato, esprime odio verso la polizia e gli inquirenti. Escluse quindi motivazioni religiose o terroriste. L’agguato pero’ conferma l’alta tensione che resta sulla polizia dopo gli attacchi subiti a Dallas e a Baton Rouge, in seguito alle brutali uccisioni di neri da parte di agenti bianchi.

Nell’ultimo a Philadelphia una giovane poliziotta, Sylvia Young, 19 anni, era seduta sull’auto di pattuglia quando un individuo si e’ avvicinato e le ha sparato senza dire nulla almeno otto colpi, ferendola al braccio sinistro: a salvarla è  stata il giubbotto antiproiettile. Poi l’uomo ha ferito un altro poliziotto alla University of Pennsylvania. Quindi si è diretto in un bar, ferendo una guardia di sicurezza e prendendo in ostaggio una donna, rimasta colpita ad una gamba.

Infine ha sparato contro un’auto dove c’era una coppia: la donna, 25 anni, colpita da sette proiettili, è morta poco dopo in ospedale. Il sospetto in fuga ha ingaggiato una sparatoria con la polizia in un viale, ed è stato ucciso. I due agenti e i tre civili feriti sono in condizioni stabili: la loro identità non è stata resa nota.


TAG: ,