Blitz quotidiano
powered by aruba

Ragazzina di 13 anni ingoia per errore fitness tracker VIDEO

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

SEUL – Ragazzina sudcoreana di tredici anni ingoia per errore un fitness tracker, un dispositivo per monitorare l’attività fisica. E quando i medici dell’ospedale di Yongsan riescono a rimuoverlo dal suo stomaco questo funziona ancora.

La ragazzina ha detto di aver ingoiato accidentalmente il suo Misfit Shine, delle dimensioni di un piccolo orologio da polso, mentre lo teneva in bocca durante una nuotata. Dopo aver atteso 30 ore per vedere se il tracker era in grado di attraversare da solo lo stomaco i medici hanno deciso di intervenire, per evitare che il dispositivo si rompesse esponendo la batteria, la parte più pericolosa. Il dispositivo è stato quindi “spinto” con un endoscopio su per lo stomaco, per poi farlo uscire dall’esofago.  “Il dispositivo, hanno sottolineato, stupiti, i medici, è risultato perfettamente funzionante, nonostante l’acidità dello stomaco e le manipolazioni a cui è stato sottoposto per l’estrazione”.

Sono diversi gli esempi di oggetti curiosi ingeriti e descritti dalle riviste scientifiche. Recentemente sull’International Journal of Surgery Case Reports è stato descritto il caso di un detenuto che ha ingoiato un telefono cellulare, mentre in passato ci sono stati articoli su pupazzetti di plastica, spazzolini, strumenti dentistici. In un caso su cento, afferma uno degli studi, è necessario un vero e proprio intervento chirurgico per estrarre l’oggetto ingerito.

Immagine 1 di 2
  • Ragazzina di 13 anni ingoia per errore fitness tracker VIDE3Ragazzina di 13 anni ingoia per errore fitness tracker VIDE3
  • Ragazzina di 13 anni ingoia per errore fitness tracker VIDEO2
Immagine 1 di 2

PER SAPERNE DI PIU'