Blitz quotidiano
powered by aruba

Ragazzina segregata in casa riesce a liberarsi dopo 2 anni

TOKYO – Rapita e tenuta segregata per due anni, si libera mentre il suo aguzzino è a fare compere e chiama la polizia. Protagonista della terribile vicenda fortunatamente a lieto fine una ragazzina giapponese di 15 anni di Saitama, vicino a Tokyo.

La ragazza era stata tenuta chiusa per due anni nell’appartamento a Tokyo di un giovane di 23 anni, Kabu Terauchi, che è stato arrestato dalla polizia con l’accusa di sequestro di persona.

Il giovane è stato catturato mentre cercava di fuggire in una foresta vicino a Tokyo. Aveva una ferita al collo che si era auto-inflitto. A quanto si apprende, la ragazzina era scomparsa dopo essere uscita dalla sua abitazione a Saitama, vicino a Tokyo. E di lei si erano perse le tracce. L’adolescente è rimasta prigioniera per due anni fino a domenica quando, approfittando che il suo aguzzino era uscito per fare shopping, si è liberata.

Terauchi frequentava l’università durante i due anni in cui ha tenuto segregata la ragazzina. Si è laureato proprio questo mese e nel frattempo ha persino trovato un lavoro.

La ragazzina ha raccontato alla polizia di essere stata tenuta nell’appartamento di Terauchi vicino all’Università di Chiba prima di trasferirsi a Tokyo. Era sempre chiusa in una stanza e guardata a vista, ma non legata o messa in catene come in tristi casi analoghi. Qualche volta, scrive Fox, lui l’ha anche portata fuori, ma standole sempre vicino.


PER SAPERNE DI PIU'