Cronaca Mondo

Ragno eremita marrone la punge, le amputano la gamba a 21 anni

Ragno eremita marrone la punge, le amputano la gamba a 21 anni

Chey Alvarez

ROMA – “Non ho più un piede?” Le prime parole della 21enne Chey Alvarez, punta dal ragno eremita marrone, quando si è risvegliata dal coma. Purtroppo Chey ha scoperto che le era stata amputata anche la gamba. La ragazza ha lottato tra la vita e la morte e i medici hanno fatto di tutto per fermare l’infezione che ormai stava rapidamente diffondendosi nel corpo.

La 21enne quando è stata morsa sulla caviglia destra da quello che si ritiene sia stato il famigerato ragno eremita marrone (Loxosceles reclusa), era nella sua abitazione nel Surrey, British Columbia, Canada. Due giorni dopo ha contratto la fascite necrotizzante, una rara infezione chiamata anche “mangia-carne”, provocata dai batteri. È stata sottoposta a coma indotto e i medici costretti ad amputarle la gamba destra, sotto il ginocchio.

“Chey, quando si svegliata, ha capito immediatamente che qualcosa non andava: ha chiesto carta e penna e scritto: ‘Mi manca un piede?'”, ha detto la mamma Rhonda Alvarez Licona a Global News. La Alvarez Licona, non ha avuto subito il coraggio di darle la devastante notizia sull’amputazione della gamba. Il ragno eremita marrone, che solitamente si trova negli Stati del Midwest e nel sud-est degli Stati Uniti, è il secondo più velenoso dopo la vedova nera. “Timido” per natura, punge solo se si sente minacciato ma il terribile veleno provoca prurito, brividi, febbre, nausea, abbondante sudorazione, fino a conseguenze tragiche come quelle vissute da Chey Alvarez.

To Top