Blitz quotidiano
powered by aruba

Russia, la “più grande flotta dai tempi della Guerra Fredda” attraversa il Canale della Manica

LONDRA – Vladimir Putin mostra i muscoli. Negli ultimi giorni un’imponente flotta composta da sei navi da guerra, un sottomarino e tre navi di appoggio è salpata alla volta della Siria. E per farlo deve attraversare il Canale della Manica, costeggiando Gran Bretagna e Francia e poi la Spagna, fino ad attraversare lo stretto di Gibilterra ed arrivare nel Mar Mediterraneo.

Si tratta della più grande flotta russa che si sia mai vista dai tempi della Guerra Fredda, secondo la Nato. Ed è stato proprio un alto diplomatico dell’Alleanza Atlantica a lanciare l’allarme.

La Russia intende così sferrare un attacco massiccio in Siria per schiacciare la resistenza dei ribelli assediati ad Aleppo Est. E per farlo ha scelto proprio queste settimane in cui la politica americana è concentrata sulle elezioni presidenziali dell’8 novembre.

Fra le navi in viaggio c’è anche l’unica portaerei russa, l’Ammiraglio Kuznetsov, con i suoi aerei bombardieri, l’incrociatore nucleare Pietro il Grande, alcune fregate e navi appoggio.

Ad Aleppo Est da ormai alcuni mesi è in corso quella che dovrebbe essere la battaglia finale per la presa della città, prima nelle mani dell’Isis. Sono quasi trecentomila i civili uccisi, tra cui donne e bambini. A bombardare sono stati aerei russi e siriani, che spesso non vanno per il sottile e colpiscono non solo postazioni dei ribelli, ma anche ospedali e palazzi.

Secondo la Nato “un attacco devastante come quello che la Russia si prepara a sferrare potrebbe garantire ad Assad il controllo totale su Aleppo e permettere a Mosca di dichiarare vittoria per poter poi ridurre la propria presenza militare in Siria”.

 


TAG: , ,

PER SAPERNE DI PIU'