Blitz quotidiano
powered by aruba

Russia. Putin, nuova strategia, la Nato è una minaccia

L'espansione della Nato è una "minaccia per la sicurezza nazionale" della Russia. E' quanto si legge nella nuova 'strategia di sicurezza nazionale' approvata e firmata dal presidente Vladimir Putin. Il documento viene aggiornato ogni sei anni e indirizza la politica estera del Paese. Secondo quanto si legge, l'aumento delle truppe Nato ai confini della Russia è definito "una violazione delle norme che regolano il diritto internazionale".

RUSSIA, MOSCA – L’espansione della Nato è una “minaccia per la sicurezza nazionale” della Russia. E’ quanto si legge nella nuova ‘strategia di sicurezza nazionale’ approvata e firmata dal presidente Vladimir Putin.

Il documento viene aggiornato ogni sei anni e indirizza la politica estera del Paese. Secondo quanto si legge, l’aumento delle truppe Nato ai confini della Russia è definito “una violazione delle norme che regolano il diritto internazionale”.

“L’indipendenza” della Russia sullo scacchiere internazionale ha provocato “la reazione da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati, interessati a mantenere il loro dominio nella sfera degli affari internazionali”. E’ quanto si legge nel nuovo piano di strategia nazionale approvato da Vladimir Putin.

“Un processo di militarizzazione e corsa alle armi si sta sviluppando nelle regioni vicine alla Russia”, si legge ancora. “La priorità nazionale della Russia – si sottolinea – è avere lo status di potenza globale di primo piano”. Detto questo, il nuovo documento di strategia nazionale prevede l’uso della forza militare “solo se ogni altra misura risulta inefficace”. In questo senso la prevenzione di conflitti militari viene affidata al mantenimento “a un giusto livello” del “deterrente nucleare” così come di un “giusto grado di prontezza al combattimento delle forze armate”.