Blitz quotidiano
powered by aruba

Scrive su Twitter: “Ucciderò il mio coinquilino”. E lo ammazza davvero

PHOENIX (ARIZONA, USA) – Giovane di 21 anni uccide il suo coinquilino di 41 dopo averlo annunciato su Twitter. Zachary Penton, di Gilbert, in Arizona, da diverse settimane aveva espresso su Twitter lamentele per i comportamenti del coinquilino, Daniel Garofalo. 

“Il mio compagno di casa Shaun mangia il mio cibo, insiste nel cantare Bryan Adams a voce davvero alta a tutte le ore e sono abbastanza sicuro che recentemente mi ha chiuso fuori di casa volutamente. Detto ciò, non vorrei uccidere il ragazzo”,

aveva scritto nei giorni scorsi sul social. Poco dopo, un altro tweet:

“Santa **** comprare un’arma è facilissimo”.

E non stava esprimendo un’osservazione sulla facilità con cui, in effetti, negli Stati Uniti chiunque può comprare un’arma, anche automatica, come quelle usate in tante stragi e sparatorie.

Perché l’arma, una pistola semiautomatica Glock 17, Zachary l’ha usata pochi giorni dopo per portare a termine il suo piano più volte annunciato su Twitter.

Le ultime parole twittate prima dell’omicidio risalgono al 20 agosto scorso, quando Penton ha scritto:

“Ho bisogno di lasciare casa prima che uccida brutalmente il mio compagno di stanza”.

Ma non ha lasciato la casa: ha ucciso il suo coinquilino. I due hanno litigato, si sono presi a botte e Penton, ad un certo punto, ha preso l’arma e ha fatto fuoco, uccidendo sul colpo Garofalo. Poi ha chiamato la polizia e ha confessato quello che aveva fatto, dicendo di aver reagito perché il coinquilino l’aveva colpito. E’ stato arrestato e portato nel carcere della contea di Maricopa.

Immagine 1 di 1
  • Scrive su Twitter: "Ucciderò il mio coinquilino". E lo ammazza davveroScrive su Twitter: "Ucciderò il mio coinquilino". E lo ammazza davvero
Immagine 1 di 1

PER SAPERNE DI PIU'