Blitz quotidiano
powered by aruba

Se guidi ubriaco finisci in obitorio… a lavorare

BANGKOK – In Thailandia se guidi ubriaco finisci all’obitorio, ma per lavorare. Lo hanno annunciato le autorità di Bangkok alla vigilia della settimana di vacanza per il Songkran, il capodanno thailandese secondo il calendario buddista. Festività che ogni anno miete centinaia di vittime sulle strade. una media di due morti all’ora.

Per contrastare l’alto tasso di incidenti stradali, la Thailandia ha partorito la brillante idea di spedire ai servizi sociali negli obitori chi verrà sorpreso al volante in stato di ebbrezza, oltre a guidatori che si sono macchiati ripetutamente di violazioni del traffico. La misura è stata approvata la scorsa settimana e ribadita ieri da Anurak Amornpetchsathaporn, direttore dei servizi di emergenza all’Ufficio della Sanità pubblica. L’idea, ha spiegato è di sbattere in faccia ai guidatori spericolati “i veri danni fisici e mentali”, in modo da “sentire il dolore e schiarirsi le idee”.

Si stima che nei “sette giorni di pericolo” che coincidono con la festività del Songkran, più di due persone all’ora ci lasciano le penne sulle strade della Thailandia e altre 160 rimangono ferite. E’ il secondo più alto tasso di incidenti stradali al mondo, con 44 vittime ogni 100mila abitanti, contro una media mondiale di 18.