Cronaca Mondo

“Sentivo puzza di carne bruciata”: il laser le rovina il viso

"Sentivo puzza di carne bruciata": il laser le rovina il viso

“Sentivo puzza di carne bruciata”: il laser le rovina il viso

ROMA – Deborah June, 53enne di Melbourne, Australia, come molte sue coetanee, combatte contro rughe e segni del tempo. Pur di ridurle in modo evidente, di recente ha deciso di sottoporsi a un trattamento laser, così da avere finalmente un aspetto più giovane e fresco.

Purtroppo, però, qualcosa è andata storta e si è ritrovata con il viso gonfio e bruciato, come ha raccontato lei stessa al DailyMail. Nel momento in cui era entrata nella clinica di Mornington ha pensato che l’ambiente fosse rassicurante, visto che i medici sembravano professionali, ma a quanto pare si sbagliava.

La donna che l’ha sottoposta all’intervento estetico non era un medico e non sapeva spiegare per quale motivo il laser provocasse tanto dolore. Deborah ha raccontato addirittura di aver sentito odore di carne bruciata mentre era seduta su quel lettino. Nelle ore successive, il volto ha cominciato a bruciarle come non mai e col passare del tempo sono comparse delle vere e proprie ferite simili a delle ustioni. I proprietari della clinica le avevano detto che era una reazione normale e che tutto sarebbe scomparso in pochi giorni ma a mesi di distanza la donna continuava ad avere il viso ricoperto di vesciche.

“A volte il dolore era così intenso che sembrava stessi andando a fuoco. Il mio viso ha subito danni irreversibili. Ho delle cicatrici sotto occhi e guance che non andranno mai più via”, ha spiegato la donna, rimasta per 3 mesi con la pelle arrossata e sanguinante.

To Top