Blitz quotidiano
powered by aruba

Sharm el-Sheikh, voli British Airways sospesi per sicurezza

SHARM EL-SHEIKH – La British Airways sospende i voli per Sharm el-Sheikh a tempo “indeterminato”, per problemi di sicurezza relativi all’attentato terroristico di sette mesi fa contro il jet russo A321 caduto in Sinai e in cui persero la vita 224 passeggeri.

Dopo lo scorso novembre, nessun volo è stato operativo tra il Regno Unito e il Mar Rosso e la British Airways aveva in precedenza dato alcune date di massima per riprendere i collegamenti in attesa di una decisione del governo. La compagnia area ha rilasciato una dichiarazione:”La sicurezza dei passeggeri rimane la nostra priorità, per cui abbiamo sospeso i voli BA da Gatwick a Sharm el-Sheikh a tempo indeterminato”. “I passeggeri che avevano prenotato per la prossima stagione invernale potranno chiedere un rimborso completo o utilizzare il denaro per una nuova prenotazione con la nostra compagnia, verso una destinazione alternativa”.

Un portavoce easyJet, ha detto che il vettore low cost “resta impegnato a riprendere i voli a Sharm”, ma ha aggiunto che non accadrà fintanto che il governo britannico non modifica la posizione.
Monarch, altra compagnia low cost con base a Luton, ha cancellato i voli per Sharm fino al 30 ottobre e rilasciato una dichiarazione in cui spera di riprendere i voli all’inizio della stagione invernale. Ma ha aggiunto che il Foreign and Commonwealth Office (FCO) non ha dato “alcun aggiornamento o indicazioni” su quando potranno riprendere i voli.

Thomson Airways ha sospeso i voli per Sharm ICT fino al 28 settembre e un portavoce della compagnia ha detto: “Vorremmo ringraziare i nostri clienti per la pazienza e ci scusiamo per il disagio arrecato mentre il parere del FCO è ancora in vigore”.

L’Association of British Travel Agents ha precedentemente specificato che la decisione se utilizzare o meno l’aeroporto di Sharm non è presa dalle compagnie aeree ma dalle autorità del Regno Unito, e i voli riprenderanno solo quando saranno soddisfatti del livello di sicurezza.

Il governo ha sospeso i voli per Sharm, il 4 novembre dello scorso anno, dopo che l’Airbus 321 della compagnia aerea russa Metrojet è precipitato a causa dell’esplosione di una bomba, e in cui morirono 224 persone. Jihadisti dello Stato Islamico rivendicarono l’attentato.

Gli inglesi ospiti del villaggio turistico, rientrarono a casa con una serie di voli su cui erano state intensificate le misure di sicurezza, che terminarono il 17 novembre. Da allora, le compagnie di volo del Regno Unito non hanno effettuato collegamenti con Sharm.