Cronaca Mondo

Simon Sama, il neonato con una malformazione al cranio abbandonato dai genitori

Simon Sama, il neonato con una malformazione al cranio abbandonato dai genitori

Simon Sama, il neonato con una malformazione al cranio abbandonato dai genitori

BANGKOK – Il piccolo Simon Sama ha otto mesi e una terribile malformazione al cranio che lo rende quasi un vegetale, come lo definiscono gli stessi medici da cui è in cura. Inoltre, a causa di questa malformazione, il piccolo Simon è stato abbandonato dai genitori. 

E dire che quella testa particolarmente grossa, sproporzionata rispetto al resto del corpo, era visibile anche dalle ecografie durante la gravidanza. Ma nulla è stato fatto, e quando il piccolo è nato, a febbraio, i suoi genitori hanno capito cosa significasse. E hanno deciso di lasciarlo.

Subito dopo la nascita a Nong Khai, nel sud-est della Thailandia, i medici hanno provato ad operarlo, per cercare di ridurre la malformazione. Ma la situazione è solo peggiorata: una pressione anomala, infatti, ha provocato la frattura delle ossa del cranio del neonato, che adesso si ritrova con una crepa profonda cinque centimetri che gli attraversa il cranio.

In cerca di una soluzione, con il tempo che passa, i problemi del piccolo Simon diventano sempre più gravi, la sua testa continua a gonfiarsi e i problemi cerebrali si fanno sempre più ingestibili, tanto che i medici non esitano a paragonare la sua condizione ad uno stato vegetativo.

“Simon è proprio come un vegetale. Non emette alcun tipo di rumore o suono, come altri bambini iniziano a fare alla sua età”,

ha spiegato alla stampa anche la nonna del piccolo, Nooplang, di 48 anni.  Il bimbo aspetta di trovare un medico che sia disponibile a tentare un nuoto intervento. Nel frattempo, però, le condizioni del piccolo Simon peggiorano.

To Top