Blitz quotidiano
powered by aruba

Sinead O’Connor: “Addio droga ma non vorrei essere così sola”

ROMA – Sinead O’Connor ha detto addio alla dipendenza dalla droga, ma la sua vita ancora stenta a ripartire. La cantante irlandese ha scritto su Facebook:

“Ero in rehab. Per aver passato 30 anni dipendente dalla marijuana. Ora posso dire orgogliosamente di esserne uscita e sarò in un centro ancora per 12 mesi”. Per la cantante irlandese i problemi non sono finiti. Si è dovuta sottoporre a un intervento chirurgico al fegato e i demoni sono altri: “Sto scrivendo mentre sono sola. In pratica, la storia della mia vita. Vorrei non essere così sola, al mondo”.

“Ora posso affermare con fierezza di avere gli esami delle urine puliti e di poter affrontare il prossimo anno in un “ambiente di vita sobrio”. Tutto questo con un sistema di supporto, che per me è una novità. Aver vissuto in Irlanda fino a 18 anni, averne passati 34 nell’industria musicale e tutta la m… che è successa l’anno scorso, è un miracolo che non mi fossi fatta tutti i tipi di droga”.

Paura per Sinead O’Connor, lo scorso maggio, scomparsa per oltre 24 ore a Chicago e poi ritrovata sana e salva dalla polizia. Il timore era che avesse compiuto un gesto estremo. Le forze dell’ordine avevano iniziato le ricerche dopo che la cantante irlandese non era rientrata da un giro in bicicletta nel quartiere periferico di Willmette, e temevano che potesse essersi tolta la vita. Secondo quanto riportava il sito Tmz, infatti, il messaggio di allerta diffuso dalle autorità affermava che il caso era stato dichiarato come un “potenziale suicidio”.