Blitz quotidiano
powered by aruba

Siria, raid su Aleppo: almeno 90 morti, molti bimbi

ALEPPO – Almeno 90 persone sono morte oggi, 23 settembre, ad Aleppo sotto decine di raid aerei governativi. Molti erano bambini. La televisione panaraba Al Jazeera parla di più di 150 bombardamenti in 24 ore nella parte orientale della città da parte delle forze del regime: almeno 15 quartieri in mano agli insorti sono stati colpiti.

L’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) descrive scene devastanti: in uno dei bombardamenti sul villaggio di Beshqati, ad ovest di Aleppo, sono stati uccisi 12 membri della stessa famiglia, tra i quali 6 bambini o adolescenti.

L’Osservatorio ha calcolato che oltre 6 mila persone, per la maggior parte miliziani dell’Isis, sono state uccise in due anni di raid della Coalizione guidata dagli Usa in Siria. Dei 6.213 uccisi si contano 5.357 miliziani jihadisti e 611 civili. Di questi, 163 sono minori e 90 donne. In questi bombardamenti sono stati uccisi anche 90 soldati governativi siriani, morti tutti nell’attacco di sabato scorso nell’est del Paese.

Intanto a New York la diplomazia internazionale non riesce a trovare un accordo per il cessate il fuoco: ancora nessuna intesa tra Usa e Russia, dopo che il governo di Assad aveva annunciato una nuova offensiva sulla capitale del Nord.

In queste ore il segretario di Stato americano John Kerry e il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov si sono nuovamente incontrati prima dell’intervento del ministro russo all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. L’inviato speciale Onu Staffan de Mistura ha definito l’ultima riunione del Gruppo di Supporto Internazionale sulla Siria “lunga, difficile e deludente”.

 

 


TAG: ,