Blitz quotidiano
powered by aruba

Sottomarini spia e incursori: così l’Italia dà la caccia ai jihadisti in fuga

SIRTE (LIBIA) – Incursori e sottomarini spia: così l’Italia dà la caccia ai jihadisti in fuga da Sirte, in Libia. Nuove squadre d’assalto anfibie sulle navi della Marina sono infatti pronte a intercettare barche sospette nel Mediterraneo. Questo perchè il rischio d’infiltrazioni di combattenti islamici tra i profughi è uno scenario sempre più credibile: per questo l’Italia mette in campo una nuova unità speciale, costituita dalla Marina Militare e già imbarcata sulle navi presenti nel Mediterraneo centrale.

Come scrive Mariano Alberto Vignali per La Stampa:

Intervengono in spazi ristretti, in mezzo al mare, di giorno o di notte, a bordo di imbarcazioni fatiscenti o in angusti mercantili, sanno che dietro ogni portellone potrebbe esserci un pericolo e dentro a ogni stiva una minaccia, non conoscono il luogo in cui dovranno agire, non possono fidarsi di nessuno se non dei loro compagni e della «nave grigia» da cui sono partiti. È questo il lavoro che, ora con un maggiore livello di attenzione alla luce dei ripetuti allarmi sulla possibile presenza di infiltrati jihadisti in fuga dalle coste, svolgono i militari dei «Boarding Team» del 2° Reggimento San Marco. Sono loro la prima linea dell’antiterrorismo italiano e lo sono in mare aperto, tra la Sicilia e l’Africa, dove nessun’altra forza può agire.

Il rischio infiltrazioni di estremisti libici tra i migranti verso l’Europa, ovvero l’Italia da una parte; la concreta possibilità che vi siano attacchi a navi mercantili o trasporti di armi fuori dalla Libia dall’altra: ecco i fronti di una minaccia che la Marina Militare aveva messo in conto da tempo creando una nuova forza d’intervento imbarcata sulle navi schierate davanti alle coste africane a caccia di unità sospette o di falsi migranti. Sono queste forze per impieghi speciali, per ora poche decine di uomini selezionati, a controllare, ogni giorno, cosa accade in quel tratto di mare.

Prosegue quindi La Stampa:

A guidarli vi sono, «rapidi ed invisibili» come dice il loro motto, i sottomarini classe U-212 impegnati nell’operazione «Mare Sicuro». Da sotto il mare, operando solo con il periscopio, il personale riesce a individuare chi sono gli scafisti o eventuali terroristi armati presenti sulle imbarcazioni dei profughi o nei cargo e indicandoli ai team di assalto che, così possono andare a colpo sicuro, riuscendo a evitare un problema che, altrimenti, si presenta spesso: la fuga dello scafista, solito mescolarsi ai migranti che trasporta a bordo del mezzo, rendendo assai complicato il successivo lavoro investigativo e giudiziario.


TAG: ,