Blitz quotidiano
powered by aruba

Stuprò la figlia, uomo condannato a 1.503 anni carcere

NEW YORK – Un uomo è stato condannato a 1503 anni di carcere per aver stuprato la figlia minorenne due o tre volte fra il 2009 e il 2013.

Nell’annunciare la condanna, il giudice ha definito l’uomo, 41 anni, un ”serio pericolo per la società”, mettendo in evidenza come non abbia mai dimostrato alcun rimorso per quanto ha fatto e abbia anzi puntato il dito contro la figlia, criticandola per il suo atteggiamento. La ragazzina era stata violentata per la prima volta da un amico di famiglia.

Il padre, quando lo ha saputo, invece di proteggerla l’ha trasformata in un “pezzo di sua proprietà” privata.


TAG: ,