Blitz quotidiano
powered by aruba

Suocero assolda due sicari, genero offre di più e si salva

Suocero voleva risolvere drasticamente la causa di divorzio tra la figlia e il genero miliardario. Che per salvarsi paga di più i due killer assoldati

NEW YORK – Suocero che sperava di risolvere drasticamente la causa milionaria di separazione tra la figlia e il genero ha assoldato per 100mila dollari due killer per eliminarlo: la vittima designata si è salvato pagando 25mila dollari in più.

E’ successo a New York. Protagonista della vicenda raccontata dal New York Post è Oleg Mitnik, spedizioniere di successo (è titolare della compagnia di shipping TRT International, con sede a Newark).

Anatoly Potik, il suocero, contattò ­Boris Nayfeld, accordandosi per far uccidere il marito della figlia impegnato in una causa da 20 milioni di dollari per la separazione dei beni e la custodia dei figli. Senza che Anatoly sapesse nulla, il sodale di Nayfeld, Boris Kotlyarsky, si è presentato da Oleg  con una proposta che non poteva davvero rifiutare: la cancellazione del contratto per uccidere se avesse pagato 125mila dollari.

In realtà, di dollari pagati ne risultano “solo” 100mila. I 50mila di acconto del suocero, altri 50mila sganciati brevi manu dal genero nell’incontro in un ristorante di Brooklyn tra il genero e il killer che nel frattempo ha cambiato cavallo. Prima di essere arrestato con il compare dall’Fbi per estorsione nei confronti del suocero che avena minacciato di rovinare per sempre. Nei risvolti dell’indagine la scoperta delle macchinazioni del suocero.