Blitz quotidiano
powered by aruba

Tre attentati in 3 anni, il missionario mormone è da evitare

 

Tre attentati in 3 anni, il missionario mormone è da evitare 4LONDRA – Tre attentati, nel giro di tre anni, a soli 19 anni di età, due volte gli è andata bene, la terza è rimasto leggermente ferito. Questo è il record di presenze in realtà un po’ sinistre di un missionario mormone americano di 19 anni, che è stato ferito nel terrificante attacco terroristico all’Aeroporto di Bruxelles, dopo essere precedentemente sopravvissuto al bombardamento di Boston e agli attacchi di Parigi.

Nell’attacco di Bruxelles, nove americani sono stati feriti, tra cui il missionario mormone Mason Wells, 19, i suoi due colleghi, un ufficiale della US Air Force e i suoi cinque membri della famiglia.

Il numero degli americani feriti potrebbe ancora crescere in quanto dopo l’esplosione, non tutti sono stati identificati.

Le bombe esplose nel primo attacco alla capitale belga, sono dispositivi che contengono anche chiodi e nascosti in valigie. Alcune schegge di quelle bombe hanno colpito Mason. È una tecnica simile a quella utilizzata dai terroristi che hanno attaccato Parigi, dove Mason è stato l’anno scorso, quando furono uccise 130 persone.
Il ragazzo, 19, ha subito una rottura del tendine d’Achille, lesioni da schegge di secondo e terzo grado, ustioni sul viso e le mani.

Due missionari che erano con Mason anch’essi hanno subito lesioni, ma sono sopravvissuti.
“Questo è il terzo attacco terroristico” ha detto Chad Wells, il padre di Mason, ad ABC News.
“Questa è la terza volta che nella nostra società, purtroppo abbiamo a che fare con l’esplosione di una bomba”.
“Viviamo in un mondo pericoloso e non tutti sono gentili e amorevoli”.

Chad ha riferito che lui e il missionario erano a un isolato di distanza dal traguardo della maratona di Boston, dove ha avuto luogo l’attentato, in attesa che arrivasse la madre di Mason, Kymberly Wells, che partecipava alla maratona.
Aveva fatto tremare i loro corpi e aveva condotto Mason al loro el e detto di rimanere lì.
“Mason era molto calmo e controllato,” ha detto Kymberly ad ABC News.
Mason è attualmente in un ospedale belga dove si prevede abbia un pieno recupero. Quando le bombe sono esplose si trovava al “ground zero” della zona di deflagrazione.

Chad ha detto a un funzionario mormone vicino alla famiglia Wells che Mason, “pur essendo a terra e sanguinante aveva senso dell’umorismo e nonostante la situazione ha mantenuto la calma”.
“Mason ci ha sempre assicurato di essere prudente e attento”.
“Gli ho detto di essere attento quando viaggiava, prima di tutto sicuro dell’ambiente, delle persone circostanti”, ha detto Kymberly.

Il giovane si trovava lo scorso anno a Parigi durante gli attacchi.
“Ci ha detto che era estremamente vicino all’ esplosione in cui è rimasto bruciato”, ha detto Chad.
“E’ una benedizione di Dio che sia vivo”.

Joseph Empey, che era con Mason, è stato anch’egli ferito nell’attacco.
Il ventenne è stato curato per ustioni di secondo grado alle mani, al viso e alla testa.
Inoltre. martedì è stato sottoposto a un intervento chirurgico per lesioni da schegge alle gambe, ma la sua famiglia ha detto in una dichiarazione che si sta riprendendo, si ritiene fortunato ed è di buon umore.

Joseph e Mason erano in aeroporto con Ric Norby, 66, quando sono rimasti feriti per l’esplosione.
Una quarto missionaria proveniente dalla Francia, Fanny Rachel Clain, era in una posizione diversa in aeroporto ed è stata ricoverata in ospedale con lesioni non gravi.
Un testimone oculare ha detto che le esplosioni erano così potenti che le vittime sono state lanciate in aria, lasciando il pavimento cosparso di corpi, membra e detriti. Tra i 14 morti dentro l’aeroporto c’è un uomo che tiene in braccio un bambino.

Ci sono state segnalazioni di spari e grida di “Dio è grande” in arabo. La polizia successivamente riferito di aver trovato due fucili AK-47 e un giubbotto suicida con bomba inesplosa.
Bruxelles rimane bloccata con la polizia che cerca disperatamente di effettuare una serie di raid anti-terrorismo in una città che è già stata considerata una “stanza di compensazione per il jihadismo”.
Più jihadisti di qualunque altro paese europeo hanno viaggiato dal Belgio a combattere per l’ISIS in Siria e in Iraq.
A Bruxelles, insieme a Mason, altri, come la star NBA Hall of Fame Dikembe Mutombo, sopravvissuti al terrificante bombardamento terrificante di martedì.
Mutombo, che tornava da una visita all’ospedale di Kinshasa dove ha aperto la sua fondazione, ha detto alla CNN che quando l’aeroporto è rimasto sotto attacco, era addormentato nella saletta passeggeri.
“Ho sentito la gente urlare e tutti iniziare a correre”, ha detto Mutombo.
“Io sonnecchiavo e ho pensato cosa sta succedendo? Credevo fosse uno scherzo. Una signora ha detto, “Tutti fuori, tutti fuori. Dobbiamo andare. Dobbiamo andare. Un sacco di persone sanguinavano al piano di sotto. Un sacco di persone stavano male”.
“Non c’era da avere alcuna esitazione. Ho afferrato la borsa e ho iniziato a correre”, ha detto Mutombo.

Immagine 1 di 4
  • Tre attentati in 3 anni, il missionario mormone è da evitare 4
Immagine 1 di 4