Blitz quotidiano
powered by aruba

Usa: Siria rispetti impegni o potremmo inviare truppe terra

Siria: Arabia Saudita starebbe preparando intervento terra. A dirlo è The Indipendent che cita il ministro degli Esteri turco.

ROMA – “Se il presidente siriano Assad non terrà fede agli impegni presi [nella maratona di incontri che si è svolta a Monaco in Germania n.d.r] e l’Iran e la Russia non lo obbligheranno a fare quanto hanno promesso, la comunità internazionale non starà certamente ferma a guardare come degli scemi: è possibile che ci saranno truppe di terra aggiuntive”. A parlare così è il segretario di Stato Usa John Kerry in un’intervista a Orient Tv di Dubai, ripresa da Interfax.

Prima della dichiarazione di Kerry, anche l’Arabia Saudita e la Turchia si erano dette pronte ad inviare truppe di terra in Siria. Secondo The Indipendent, l’Arabia Saudita starebbe infatti inviando soldati ed aerei da caccia nella base militare turca di Incirlik in vista di una possibile invasione di terra della Siria che avverrebbe insieme alla Turchia. Il quotidiano britannico cita il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu che ha confermato la notizia in una dichiarazione rilasciata al quotidiano Yeni Safak. “L’Arabia Saudita ha dichiarato la sua determinazione contro Daesh (l’Isis, ndr) dicendo di essere pronta a mandare aerei e truppe”, ha detto il ministro.

“Ad ogni incontro della coalizione abbiamo sempre sottolineato la necessità di un’ampia strategia orientata ai risultati nella guerra contro il gruppo terroristico Daesh – ha proseguito il ministro -. Se abbiamo una simile strategia la Turchia e l’Arabia Saudita potrebbero lanciare un’operazione di terra”. Cavusoglu, prosegue l’Independent, ha poi confermato che aerei e personale sono in viaggio verso Incirlik – vicino al confine siriano – aggiungendo che per ora i numeri non sono stati confermati.

Intanto, in un’intervista rilasciata in queste ore, il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir ha detto che l’intervento russo non aiuterà il presidente Assad a rimanere al potere. “In futuro non ci sarà nessun Bashar al-Assad”, ha detto a un giornale tedesco.