Cronaca Mondo

Usa, allarme in Texas per l’uragano Harvey. Evacauate città e piattaforme petrolifere

Usa, allarme in Texas per l'uragano Harvey. Evacauate città e piattaforme petrolifere

Usa, allarme in Texas per l’uragano Harvey. Evacauate città e piattaforme petrolifere

WASHINGTON – Il Texas in allerta per la minaccia della tempesta tropicale Harvey, che secondo i meteorologi potrebbe diventare uragano categoria 1 quando toccherà terra questa sera.

Per Port Aransas e Portland è stato diramato un ordine di evacuazione obbligatoria alle 12 di ieri, ora locale (ore 19 in Italia). Per Corpus Christi, considerato il possibile ground zero di questo mostruoso uragano, l’ordine di evacuazione è per ora facoltativo. Tutte le scuole resteranno chiuse lunedì, anche a Houston, dove, oltre alla forza dell’uragano, si temono pesanti allagamenti perché si prevede che la tempesta si soffermi sullo stato almeno fino a mercoledì.

Gli scaffali dei negozi sono stati svuotati e non sono previsti nuovi rifornimenti fino alla fine delle prossima settimana. “Gli effetti peggiori potrebbero sentirsi lontano dal punto in cui toccherà terra”, ha osservato l’esperto meteo John Cangialosi. La quantità di pioggia aumenta in modo esponenziale quando l’uragano si muove lentamente, proprio come nel caso di Harvey. “Storicamente l’acqua dei cicloni tropicali è più mortale dei danni provocati dalla forza del vento”, ha spiegato Cangialosi.

Anche le compagnie petrolifere stanno evacuando il personale dalle piattaforme, secondo quanto reso noto dal Bureau of Safety and Environmental Enforcement americano.

Sarebbe il primo dal 2008 quando Ike, di categoria 4, fece 21 vittime. Intanto, in via precauzionale, il governatore dello Stato, Greg Abbott, ha dichiarato lo stato di disastro in una trentina di contee. L’indicazione è che anche se Harvey toccherà terra domani sera, resterà una minaccia per alcuni giorni perché le tempeste potrebbero causare allagamenti lungo le coste sia del Texas sia della Louisiana.

Attualmente Harvey si trova a circa 500 km al largo delle coste del Texas e si muove ad una velocità di 16 km all’ora. Ancora secondo gli esperti meteo, la temperatura tiepida delle acque del golfo del Messico potrebbe portare ad un rapido rafforzamento della perturbazione.

L’allerta è tale che anche il presidente Usa, Donald Trump, è intervenuto via Twitter, ricordando agli americani di essere previdenti. Intanto per due contee del Texas è stata ordinata l’evacuazione obbligatoria.

To Top