Blitz quotidiano
powered by aruba

Usa, allerta cyber jihad: Rischio attacchi hacker da Isis

NEW YORK – La cyber jihad è entrata in azione e le possibilità di attacchi hacker da parte dei miliziani dell’Isis è sempre maggiore. A lanciare l’allarme sono gli Stati Uniti e in particolare John Carlin, funzionario del Dipartimento della Difesa americano. Carlin ha spiegato che siamo in “una corsa contro il tempo” e che gli Stati Uniti continuano a monitorare le attività della cyber-jihad “mentre cercano attivamente di acquisire le capacità per raggiungere il loro obiettivo”.

A riportare le parole preoccupate di Carlin è il sito Financial Times, che spiega come il quadro di un possibile attacco jacker Isis agli Stati Uniti sia stato discusso giovedì 31 marzo dal funzionario appena una settimana dopo i tragici attentati del 22 marzo a Bruxelles, in Belgio:

“Dovete essere pronti perché sta per accadere. Stiamo monitorando il modo in cui stanno acquisendo la capacità di raggiungere il loro obiettivo”.

Già lo scorso settembre il direttore dell’Fbi aveva parlato dei tentativi di attacchi hacker agli Stati uniti da parte della cyber jihad e ora l’emergenza sembra sempre più grave, come ha sottolineato lo stesso Carlin:

“Non c’è cifra da pagare che potrà salvarci da un attacco. Siamo in una corsa contro il tempo”.

D’altronde come ha sottolineato anche Peter Singer, un consulente dell’Fbi e della Defense Intelligence Agenc, il rischio di cyber terrorismo cresce esponenzialmente insieme ad internet, ma il modo di tamponare i rischi di un attacco ci sono:

“Viviamo ancora in un mondo dove zero persone sono state uccise dal cyber terrorismo, contro le migliaia di vittime del terrorismo tradizionale”.

 


PER SAPERNE DI PIU'