Cronaca Mondo

Usa, bambino di 10 anni picchiato e bruciato vivo dalla madre e dal compagno di lei

Usa, bambino di 10 anni picchiato e bruciato vivo dalla madre e dal compagno di lei

Usa, bambino di 10 anni picchiato e bruciato vivo dalla madre e dal compagno di lei

CHINO (ARIZONA, USA) – Una donna americana di 34 anni, Julianna Moreno, e il suo compagno di 36 anni, Daniel Terry, sono accusati di omicidio volontari per aver legato, picchiato e bruciato vivo il figlio della donna, Christian Pearson, di 10 anni.

Il bambino era stato trovato dalla polizia giovedì scorso ed è morto domenica 11 giugno per le ferite e le ustioni riportate. Giovedì, infatti, la polizia di Chino, in Arizona, era stata chiamata nella casa di Moreno e Terry perché il bambino non respirava.

Gli agenti che sono arrivati hanno trovato il piccolo con ustioni di secondo e terzo grado sulla schiena, la pancia, la testa, le braccia e le gambe e diversi lividi su tutto il corpo.

San raffaele

Christian era stato subito portato all’Ospedale pediatrico di Phoenix, ma domenica è morto. La famiglia ha deciso di donare i suoi organi.

La madre e il suo compagno sono stati arrestati prima con l’accusa di tentato omicidio, abusi su minore e aggressione, ma le accuse sono passate ad omicidio volontario dopo la morte del bambino.

Secondo l’accusa, i due avrebbero abusato di Christian dopo averlo legato. Quando Christian stava rischiando di morire, giovedì scorso, Moreno e Terry stavano facendo un mercatino di oggetti usati nel giardino di casa.

Eric Pearson, il padre di Christian, che vive a Tucson, ha spiegato a Chino Valley News di non essere stato coinvolto nella vita quotidiana del figlio, ma che avrebbe voluto passare del tempo con lui durante l’estate e durante tutte le vacanze. Ha anche raccontato che il figlio era un ragazzo molto bravo a scuola, che amava andare in bici e giocare a basket.

 

To Top