Blitz quotidiano
powered by aruba

Usa, sostenitrice armi ferita con pistola da figlio 4 anni

JACKSONVILLE – Sostenitrice del diritto di possedere armi negli Stati Uniti viene ferita quasi a morte dal figlioletto di quattro anni. E questo proprio il giorno dopo che lei stessa, Jamie Gilt, 31 anni, aveva lodato le doti di sparatore del bimbo.

La donna guidando il suo furgoncino che trasporta cavalli a Jacksonville, nella Contea di Putnam, in Florida, quando il figlioletto, seduto sul sedile posteriore, ha trovato la sua pistola e ha fatto fuoco, andando a colpire la mamma alla schiena. Per fortuna la donna non è morta, ma è rimasta gravemente ferita.

Jamie Gilt è da tempo impegnata nella difesa del secondo emendamento della Costituzione americana, che prevede il diritto dei cittadini di possedere armi.

Sulla sua pagina Facebook, che si chiama “Jamie Gilt for Gun Sense“, la donna aveva scritto 24 ore prima di essere ferita: “Persino il mio bambino di 4 anni è in grado di sparare con la calibro 22”.

Nella stessa pagina Facebook lei sostiene di avere il diritto di sparare a chiunque minacci la sua famiglia, e dichiara di voler insegnare questo principio anche ai suoi figli.

 

Il portavoce dello sceriffo della Contea di Putnam, Joseph Wells, ha detto che qualcuno aveva notato il camioncino con il cavallo che sbandava. A quel punto ha provato a guardare dentro l’abitacolo e ha scoperto che la donna alla guida lo guardava “come se avesse bisogno di aiuto”.

A quel punto l’uomo ha chiamato i soccorsi, l’ambulanza ha portato la donna all’ospedale di Gainsville e la donna è stata salvata.


TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'