Blitz quotidiano
powered by aruba

Usa, si barrica con ostaggi in Walmart Texas: ucciso dalla polizia

NEW YORK – Paura ai grandi magazzini Walmart di Amarillo, Texas, negli Stati Uniti. Un uomo armato si è barricato nel negozio tenendo in ostaggio una persona. La polizia di Amarillo ha diffuso un messaggio sul proprio account Twitter in invita la popolazione ad evitare la zona del Walmart. Ma poco dopo l’uomo, un somalo ex dipendente del supermercato, è stato ucciso dalle teste di cuoio.

Sul posto erano arrivate subito decine di soccorritori. Si temeva il peggio, a pochi giorni dalla strage di Orlando, ma da quanto risulta si sarebbe trattato di una disputa per questioni di lavoro.

La sparatoria è iniziata proprio mentre il presidente Barack Obama sta parlando in diretta tv alla nazione sulla strage di Orlando.

LE ARMI – Lo scorso agosto la catena di negozi americana Walmart, all’indomani dell’ennesima strage, ha deciso di smettere di vendere fucili d’assalto, semi-automatici e altre armi ad alta precisione. Il gruppo però aveva motivato la decisione come una scelta non politica che era stata presa mesi orima: “E’ simile a quello che facciamo con qualsiasi prodotto – disse allora il portavoce del gruppo – anche se in questo caso serve un po’ più di attenzione, ma è lo stesso processo”.

Se è vero il calo registrato nelle vendite di alcuni modelli di armi è altrettanto vero che negli ultimi anni gli azionisti di Walmart hanno fatto pressione sulla società affinché riconsiderasse la sua politica di vendita di alcuni prodotti: come i Bushmaster AR-15, utilizzati in stragi di massa come quella alla scuola Sandy Hook di Newtown, in Connecticut, o nel cinema di Aurora, in Colorado.


TAG: ,