Blitz quotidiano
powered by aruba

Usa, strage in New Mexico: uomo uccide moglie e 4 figlie

SANTA FE (NEW MEXICO, USA) – A poche ore dalla strage di Orlando un altro pluriomicidio negli Stati Uniti. Questa volta è avvenuto in New Mexico, a Roswell, dove Juan David Villegas-Hernandez ha fatto fuoco a colpi di pistola in casa uccidendo la moglie di 34 anni e le loro quattro figlie di 3, 7, 11 e 14 anni.

Hernandez è poi fuggito a bordo della propria auto e le autorità gli stanno dando la caccia. A scoprire i cadaveri delle cinque donne è stato un familiare.

Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Iriad (Istituto di ricerche internazionali archivio disarmo) la diffusione delle armi piccole e leggere solo nel 2015 ha provocato oltre 12mila vittime e sparatorie di massa in un centinaio di aree metropolitane.

Gli Stati Uniti sono tra i Paesi la cui popolazione è tra le più armate al mondo, con 89 armi ogni 100 abitanti, per un totale di 270 milioni di armi in circolazione. Si tratta di un dato del 40 per cento maggiore rispetto a quello che si ha in Yemen, secondo con 54 armi da fuoco ogni 100 abitanti.

Il mercato americano è il maggiore in assoluto, quello dove anche i narcotrafficanti latinoamericani si riforniscono oltrepassando la frontiera messicana in uno scambio di droga con armi. Negli Stati Uniti ogni anno oltre 30mila persone rimangono uccise dalle armi da fuoco, e la maggior parte delle vittime è giovane, con una età compresa tra i 18 e i 35 anni; un terzo sono giovanissimi sotto i 20 anni.


PER SAPERNE DI PIU'