Blitz quotidiano
powered by aruba

Violentata dal branco, poi uccisa e gettata in una fossa di coccodrilli

WASHINGTON – Dopo sette anni la polizia del South Carolina ha archiviato il caso della scomparsa delle 17enne Brittanee Drexel. La ragazza aveva fatto perdere ogni traccia di sé dal 25 aprile 2009, quando, all’insaputa della sua famiglia, era andata a Myrtle Beach, è stata là qualche giorno in un el con un amico ed è poi scomparsa nel nulla.

Le speranze di ritrovare la ragazza si sono spente quando Taquan Brown, già condannato a 25 anni per omicidio volontario, ha rivelato all’Fbi di aver assistito agli ultimi minuti di vita della ragazza. L’uomo quella sera era andato in un magazzino dove nascondeva delle armi vicino McLellanville, proprio la zona in cui le indagini avevano tracciato gli ultimi segni di vita del cellulare della ragazza.

Secondo l’uomo la ragazza è stata rapita da un gruppo di uomini che hanno abusato di lei prima di ucciderla con un colpo di pistola in testa. Altri testimoni hanno poi raccontato di aver visto il corpo della ragazza gettato in una fossa di coccodrilli.