Blitz quotidiano
powered by aruba

Venezuela. Generale indagato per droga diventa ministro Interni

VENEZELA, CARACAS – Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, ha nominato ministro degli Interni il generale Nestor Reverol Torres, che è stato accusato di complicità con reti di narcotraffico dalla giustizia americana.

In un meeting pubblico Maduro ha espresso il suo “appoggio personale” al generale Reverol, “che è vittima di una aggressione dell’impero americano” e lo ha definito “un patriota, rivoluzionario e ufficiale esemplare”.

Secondo gli atti di imputazione presentati giorni fa dalla procura in un tribunale di New York, dal 2008 al 2019 -durante la presidenza di Hugo Chavez, quando era comandante dell’agenzia antidroga di Caracas- Reverol e il suo numero due, Edylberto José Molina, hanno ricevuto ingenti somme da trafficanti di droga per la loro assistenza nell’invio e la distribuzione di grandi quantità di cocaina verso gli Stati Uniti.

Reverol era comandante della Guardia Nazionale Bolivariana fino a pochi mesi fa e Molina è l’attuale addetto militare venezuelano in Germania. Secondo l’imputazione, avrebbero allertato i trafficanti sullo svolgimento di operazioni antidroga, protetto gli invii di droga e depistato le inchieste che potessero compromettere i loro complici criminali.