Cronaca Mondo

Washington, il deputato Steve Scalise è in condizioni critiche

Washington, il deputato Steve Scalise è in condizioni critiche

Washington, il deputato Steve Scalise è in condizioni critiche

WASHINGTON – Sono critiche le condizioni di Steve Scalise, il parlamentare repubblicano ferito ad Alexandria, Virginia. E’ quanto emerge dall’ultimo bollettino medico, emesso dopo che il deputato è stato operato. Prima di entrare in sala operatoria, le sue condizioni erano considerate stabili.

Scalise, raggiunto ad un fianco da alcuni colpi di fucile, è rimasto vittima della furia di James Hodgkinson, l’uomo che ha aperto il fuoco contro alcuni membri repubblicani del Congresso che si allenavano per una partita di baseball. A sua volta l’assalitore è stato colpito a morte dagli agenti.

Hodgkinson si professava un fan sfegatato di Bernie Sanders, per il quale aveva fatto il volontario durante l’ultima campagna elettorale. Scagliandosi più volte sul suo profilo Facebook contro il presidente in carica, Donald Trump, lo aveva definito “un traditore”. E descriveva i repubblicani come “i talebani degli Stati Uniti”.

L’America è sotto shock. I feriti alla fine sono cinque, tra cui due agenti e un assistente parlamentare. Ma poteva essere una strage se la polizia non fosse intervenuta nemmeno tre minuti dopo l’allarme lanciato con una telefonata al 911, il numero d’emergenza. “Grazie al coraggio dei poliziotti è stato evitato il massacro”, ha spiegato Trump parlando in diretta tv alla nazione.

Per gli investigatori è ancora troppo presto per trarre conclusioni, ma appare chiara la motivazione politica che ha spinto James Hodgkinson, 66 anni, originario dell’Illinois, ad imbracciare l’arma. E lo stesso tycoon – nel giorno del suo 71esimo compleanno – ha deciso di reagire senza alzare i toni, ma lanciando un appello all’unità, così come aveva già fatto dopo una delle campagne elettorali più divisive che si ricordino nella storia americana: “Siamo più forti quando siamo uniti e dobbiamo lavorare insieme per il bene comune”.

Il panico si è scatenato di prima mattina su un campo da baseball di Alexandria, in Virginia, a pochi chilometri da Washington. Una mattinata calda, afosa, ma spensierata, in cui parlamentari, assistenti e impiegati del Grand Old Party si stavano preparando per la tradizionale sfida contro la rappresentativa dei democratici, come ogni anno. All’improvviso l’inferno di fuoco, durato da cinque a dieci minuti raccontano i testimoni, con decine di colpi esplosi: da dietro la rete metallica, all’altezza di una delle panchine, Hodgkinson ha cominciato a sparare all’impazzata con un fucile semiautomatico. Poco prima sembra avesse chiesto informazioni su cosa stesse accadendo sul campo e su chi fosse presente.

Uno dei primi ad essere colpiti è stato proprio Scalise – coordinatore del gruppo repubblicano alla Camera – raggiunto dai proiettili ad un’anca. Ricoverato ed operato, le sue condizioni destano ora preoccupazione.

To Top