Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Nave da guerra più costosa della storia non può combattere

ROMA – La nave da guerra americana più costosa della storia non riesce a prendere il largo. Sembra che l’imbarcazione non possa ancora essere inviata sul fronte perché non è pronta per combattere.

La USS Gerald R.Ford, la prima di altre tre di questo genere, con un costo totale di 45 miliardi di euro, potrebbe avere dei potenziali problemi. “Finché alcune cose non verranno sistemate, come una manovra più semplificata di armi militari a bordo, la libertà di spazio per l’atterraggio e il decollo degli aerei militari o la massima sicurezza durante la battaglia, non si potrà dire che la Gerald Ford sia completamente autosufficiente” ha detto al pentagono Michael Gilmore, direttore del dipartimento della difesa.

Le affermazioni arrivano dopo la dichiarazione del senatore John McCain, che ha annunciato che la nave sarà pronta solamente a novembre, ovvero due anni più tardi dalla data annunciata.
Una volta terminati i lavori, il gigante del mare sarà in grado di accogliere 4.000 marinai e marines, dalle due piste lanciare 220 aerei da combattimento al giorno.

La nave è predisposta in modo da lanciare un numero così alto di aerei, uno ogni sei minuti circa, perché sul ponte è presente una forza elettromagnetica in grado di spostare gli aerei in avanti. Praticamente lo stesso metodo che viene usato sulle montagne russe.

La costruzione è iniziata in Virgina nel 2007, e i lavori erano stati affidati alla Huntington Ingall Industries. Nel 2013 venne stimato un costo di produzione di 13 miliardi di euro, ovvero il 22 per cento in più del budget iniziale.


PER SAPERNE DI PIU'