Blitz quotidiano
powered by aruba

Zika in Florida: 4 contagi da zanzare “locali”. Cdc: “Ce ne saranno altri”

MIAMI – Sono quattro i casi di contagio da virus Zika confermati il 29 luglio in Florida da zanzare locali e non saranno gli ultimi. A dirlo è il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, Cdc, che ha dichiarato che i quattro casi molto probabilmente non rimarranno isolati. “Ci aspettiamo nuovi contagi“, ha detto Lyle Peterson del Cdc che ha aggiunto come l’obiettivo primario delle autorità sanitarie americane sia ora quello di proteggere le donne incinte.

Il virus Zika arriva così negli Stati Uniti dall’America Latina e il rischio è soprattutto per le donne incinta, dato che è stata stabilità una correlazione tra l’infezione provocata dalle zanzare e i gravi danni neurologici e microcefalia nei neonati. Peterson ha dichiarato:

“Ci aspettiamo nuovi contagi negli Usa nelle prossime settimane e la nostra priorità principale è proteggere in particolare le donne incinte dall’infezione e dai suoi possibili devastanti effetti sui feti. Abbiamo lavorato da tempo con i governi locali in vista della possibilità di casi di Zika trasmessi da zanzare portatrici del virus sul territorio Usa e delle Hawaii”.

Lo stesso direttore dei Cdc, Tom Friedman, ha confermato di aver inviato, su richiesta del governo della Florida, epidemiologi dei Centri per sostenere gli sforzi degli esperti locali, e ha aggiunto che tutte le analisi indicano che i quattro casi in questione

“dipendono da una trasmissione locale del virus avvenuta settimane fa in una zona di Miami”.

Informato della situazione, il presidente Barack Obama ha dato direttive perché venga fornito tutto il sostegno necessario allo Stato, ed il portavoce della Casa Bianca Eric Schultz ha definito le prime infezioni dell’Unione “un campanello d’allarme” per il Congresso, affinche’ stanzi i fondi richiesti da tempo per la lotta a Zika.

A confermare i sospetti sui quattro misteriosi casi di Zika in Florida sotto osservazione da giorni è stato in una conferenza stampa ad Orlando lo stesso governatore dello Stato, Rick Scott ,che ha invitato la popolazione locale a proteggersi dalle zanzare e le donne incinte a contattare i loro medici. Scott ha subito annunciato massicce misure per contenere i rischi di epidemia, mentre i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno fatto sapere che invieranno team di esperti in ogni zona interessata negli Stati Uniti.

I responsabili della sanità pubblica – ha spiegato Scott – sono giunti alla conclusione che tre uomini ed una donna nelle contee di Miami-Dade e di Broward sono stati infettati con il virus Zika da zanzare locali portatrici del virus, anche se nessuna zanzara è ancora risultata positiva ai test. Non solo: una piccola area a Nord del centro di Miami, il quartiere degli artisti di Wynwood, sarebbe al centro di una “attiva trasmissione” del virus.

Scott ha ricordato che la Florida si prepara da mesi, proprio come fa per gli uragani, alla possibilità di una esplosione di casi di Zika ed ha rassicurato che “ogni risorsa possibile dello Stato” verrà impiegata per combattere l’infezione: le operazioni di spray di insetticidi e di bonifica di acque stagnanti verranno intensificate, i test sui residenti rafforzati, e la distribuzione di kit protettivi. Le donazioni di sangue erano già state bloccate il 28 luglio.

Le banche del sangue non solo della Florida ma anche di altri Stati del Sud hanno annunciato che sottoporranno ad analisi su Zika tutti i campioni di plasma: è il caso di Gi, Alabama, South Carolina,che hanno il clima caldo-umido prediletto dalle zanzare ‘Aedes Aegypti’ portatrici del virus. La Florida conta già 383 casi di Zika legati ai viaggi, più di qualsiasi altro Stato, di cui 55 sono donne incinte, mentre nell’Unione i casi hanno superato i 1.650. Gravissima la situazione a Portorico, dove – secondo gli ultimi dati dei Cdc – le infezioni sono 5.582, di cui 672 sono donne incinte.

A tentare di tranquillizzare la popolazione della Florida è intervenuta Celeste Philips,segretario alla Salute dello Stato:

“Riteniamo che i rischi di una trasmissione che continuerà siano bassi”.

Le condizioni sanitarie generali in Florida sono ben diverse da quelle dei paesi più colpiti: nello Stato Del Sole le finestre delle case sono ben sigillate, quasi tutti hanno l’aria condizionata, le condizioni igieniche sono ottime e non dovrebbero favorire la diffusione delle zanzare.

 


PER SAPERNE DI PIU'