Blitz quotidiano
powered by aruba

Zika, scienziati chiedono rinvio Olimpiadi Rio de Janeiro

ROMA – Un gruppo di scienziati ha scritto all’Organizzazione mondiale della sanità, Oms, per chiedere di rinviare le Olimpiadi di Rio de Janeiro e scongiurare una epidemia del virus Zika. La lettera è stata indirizzata dai 125 scienziati a Margaret Chan, direttore generale dell’Oms, che temono che il rischio di contagio da virus Zika per gli atleti, i paratleti e gli oltre 500mila turisti che arriveranno in Brasile per assistere ai giochi olimpici.

L’Huffington Post scrive che la lettera, pubblicata anche su Facebook e Twitter, è stata firmata dai rappresentanti di decina di Paesi:

“Vogliamo che venga aperto un dibattito trasparente sui rischi legati alla manifestazione prevista in Brasile – dice Arthur Caplan, bioeticista della New York University – e ogni caso, se i Giochi si faranno, si sia almeno avuta una discussione franca fra esperti indipendenti”.

Di parere differente è Tom Frieden, direttore del Center for Diseaes Control (Cdc) statunitense, che dichiara che non ci sono estremi per rinviare o cancellare i giochi olimpici:

“Non ci sono ragioni di salute pubblica per cancellare le Olimpiadi. I rischi per le delegazioni e gli atleti non sono nulli, ma nessun viaggio ha rischio nullo. I pericoli non sono particolarmente alti, fatta eccezione per le donne in gravidanza”.

Secondo il bollettino dell’Oms 60 paesi hanno avuto una trasmissione autoctona del virus, di cui 10 per via . A destare preoccupazione è l’arrivo di Zika a Capo Verde, alle porte dell’Africa. Cresce il numero di quelli che hanno registrato malformazioni fetali attribuibili all’infezione, che sono ormai dieci, mentre casi sono sotto indagine a Porto Rico e Venezuela. Tredici paesi hanno visto invece un aumento della Sindrome di Guillain-Barrè, un problema neurologico che colpisce gli adulti, come precisa il documento:

“E’ allo studio una strategia revisionata per il periodo da luglio 2016 a dicembre 2017 e verrà lanciata a metà giugno”.