Blitz quotidiano
powered by aruba

Beppe Grillo a pranzo con Giorgio Gori (renziano) ed Ernesto Mauri (berlusconiano)

ROMA – Beppe Grillo a Ferragosto a pranzo con alcuni insospettabili compagni di desco: Ernesto Mauri, amministratore delegato di Mondadori e braccio destro di Marina Berlusconi, e Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e fedelissimo di Matteo Renzi. Una sorta di pranzo bipartisan a bordo dello yacht di Enrico De Marco, industriale italiano di fama internazionale.

La notizia arriva da Dagospia, dove Alberto Dandolo racconta:

Beppino ha scelto un 15 d’agosto ultra-godereccio e si è attovagliato a bordo di un enorme panfilo ormeggiato davanti alla sua adorata Porto Cervo.

(…) Il panfilo in questione prende il nome da una stella appartenente alla costellazione del Toro e non appartiene a un armatore anonimo. E’ di proprietà di Enrico De Marco, re incontrastato della similpelle e tra gli industriali italiani più conosciuti al mondo. (…) Tra un’ostrica, un fresco mojito e un’atmosfera molto allegra, la compagnia si è dimenata nelle danze.

E Beppe, tra un colpo d’anca e un carpaccio di pesce spada si è intrattenuto a lungo con altri due ospiti blasonati: Giorgio Gori, renzianissimo sindaco di Bergamo, e nientemeno che Ernesto Mauri, potente Ad del Gruppo Mondadori, nonché braccio destro di Marina Berlusconi e fedelissimo di patron Silvio.

Una “trilateral” in pieno stile Prima Repubblica che ha destato in quei pochi ospiti ancora lucidi non poche curiosità. SI mormora che il bizzarro trio abbia naturalmente parlato di politica e i temi più gettonati sembra siano stati l’inesorabile declino di Pittibimbo e il Referendum prossimo venturo. Chissà se Beppe Mao abbia detto ad Ernestino Mauri di portare i suoi personali auguri alla Cainana per il suo 50° compleanno?

Nel frattempo Tristina Parodi (che segue il suo “George” come un’ombra!) si è seduta con Parvin Tadjk, la moglie iraniana di Grillo. Le due First Lady sembra abbiano discusso di cucina: la placida Tristina voleva carpire quante più ricette iraniane per passarle alla sorellina Benedetta. Tra gli invitati al party anche l’arcimilionario Marco Mavilla, fondatore della Play Watch, l’onnipresente Arturo Artom, e il finanziere svizzero Sergio Mantegazza, che nel curriculum può vantare un patrimonio da 4,4 miliardi (non milioni) di dollari.


PER SAPERNE DI PIU'