Blitz quotidiano
powered by aruba

Brexit. Patuelli, Brexit o no Europa non più come prima

ROMA – “Comunque vada, Brexit o non Brexit, questo referendum impone una svolta all’Unione europea”. Lo afferma, il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, in un intervento sul Quotidiano nazionale.

“Dopo la consultazione del prossimo 23 giugno – spiega Patuelli – l’Unione dovrà comunque essere decisamente ripensata e rilanciata, sciogliendo innanzitutto i nodi di fondo sulla sua natura giuridica, con una vera Costituzione senza la quale esploderebbero sempre di più le contraddizioni di organismi basati principalmente sulle burocrazie”.

Sull’ipotesi di uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, Patuelli mette in luce i possibili danni economici con le “tensioni valutarie, lo choc su ripresa e lavoro, la City retrocessa dal ruolo di capitale finanziaria” e lo scenario di incertezza politica che può aprire: “Il timore – avverte – è che il voto del 23 giugno diventi un precedente pericoloso nell’area del Danubio”.