Blitz quotidiano
powered by aruba

Airbnb, affitti illegali? Los Angeles impone nuove regole…

LOS ANGELES – Gli affitti illegali attraverso la popolare piattaforma di Airbnb sono finiti nel mirino delle autorità di Los Angeles, negli Stati Uniti. La città in una ordinanza ha deciso di imporre un nuovo regolamento per chi affitta la propria residenza attraverso la popolare piattaforma per brevi periodi, contrastando così gli affitti ritenuti illegali.

Il piano per contrastare gli affitti illegali è stato rilasciato venerdì 8 aprile a Los Angeles e prevede una serie di restrizioni per chi affitta una stanza o tutta la casa ai viaggiatori, anche se per brevi periodi, scrive il Los Angeles Times.

 

Questa non è la prima volta che le autorità di una città chiedono al sito Airbnb informazioni sugli affittuari, ma la piattaforma è sempre stata riluttante a rivelare i dati dei propri utenti. Con la nuova legge la città di Los Angeles autorizza gli affitti a breve termine, ma impone severe restrizioni ai residenti, che devono essere autorizzati ad affittare solo la loro prima residenza, definita come il posto dove vivono almeno sei mesi l’anno. Gli utenti di Airbnb potranno affittare solo quella casa, o alcune delle stanze, per un massimo di 90 giorni l’anno.

Robert St. Genis, il direttore del gruppo Los Angeles Short Term Rental Alliance, sostiene che il nuovo regolamento sia sbagliato:

“Il regolamento uccide il lavoro, porta difficoltà economiche e deteriora il turismo, dalle convenzioni  per il business alla produzione di Los Angeles”.

Il consigliere comunale Mike Bonin difende invece il nuovo regolamento:

“Questa ordinanza propone un sistema vincolante per tutelare tutti gli affittuari e i nostri vicini dagli operatori di el canaglia, inoltre permette alle persone di sbarcare il lunario condividendo la loro residenza principale”.