Economia

Auto senza pilota, Amazon brevetta le “corsie reversibili”

Auto senza pilota, Amazon brevetta le "corsie reversibili"

Auto senza pilota, Amazon brevetta le “corsie reversibili”

SAN FRANCISCO – E’ partita la corsa allo sviluppo di automobili senza pilota, che siano anche in grado di procedere in sicurezza fra le strade trafficate. Il colosso americano Amazon ha ottenuto un brevetto per una rete stradale dove, in futuro, questo tipo di veicolo potrebbe “navigare” in totale autonomia. L’obiettivo della società è quello di controllare flotte di veicoli, così come ottenere una carreggiata “reversibile”, che aiuti a smaltire le congestioni stradali.

Le cosiddette “corsie reversibili” cambierebbero la direzione del flusso di traffico, permettendo così alle auto di viaggiare in tutta sicurezza nella direzione che preferiscono, senza però rallentare gli altri veicoli.

Il brevetto, già premiato dallo “United Stated Patent e Trademark Office” (USPTO) può “determinare la direzione di viaggio di questo tipo di veicoli senza creare ulteriori imbottigliamenti”. Un veicolo autonomo potrebbe richiedere l’uso di una particolare porzione di carreggiata “inviando una richiesta al sistema che gestisce la corsia attraverso una rete di comunicazione”.

Questo sistema, si spera, dovrebbe facilitare le congestioni stradali, velocizzando i viaggi, e facendo guadagnare ad Amazon soldi extra: obiettivo per il quale questo tipo di veicoli sarebbero realizzati. La società, infatti, punta allo sviluppo di veicoli autonomi per tagliare i costi del personale.

Uno degli inventori citati sul brevetto è Jim Curlander che, come riporta Recode, è anche lo sviluppatore del sistema di droni già utilizzato da Amazon. Il gigante dell’e-commerce ha già all’attivo 45.000 robot e circa 20 centri di distribuzione e, con questa mossa, punterebbe ad avere una propria rete stradale.

To Top