Economia

Bancomat obbligatorio, ma chi paga le spese?

Bancomat obbligatorio, ma chi paga le spese?

Bancomat obbligatorio, ma chi paga le spese? (Foto Ansa)

ROMA – Bancomat obbligatorio negli esercizi commerciali. Il governo starebbe pensando di introdurre delle sanzioni a quegli esercenti che non accettano pagamenti elettronici. Ad oggi però, l’utilizzo delle carte ha un costo alto che ricade sugli esercenti e quindi sorge un dubbio: chi pagherà?

Con la carta di credito infatti, per ogni 100 euro di spesa poco più di un euro finisce in commissioni. Se il cliente usa un bancomat o una carta di debito, la spesa scende ad 80 centesimi circa.  Per rendere possibili le multe introdotte da una legge del 2015, ma mai comminate, serve solo un provvedimento ministeriale che verrà attuato di concerto tra il Tesoro e lo Sviluppo.

Fabio Savelli, sul Corriere della Sera ci aiuta a capire perché le commissioni sono così alte:

“Per capire il ginepraio delle commissioni conviene partire dall’Unione Europea, che ha dichiarato guerra alle cosiddette interchange fee, le commissioni interbancarie. Grazie ad un regolamento diventato vincolante a novembre scorso ha imposto loro un tetto. Per stimolare le transazioni elettroniche con i dispositivi Pos (Point of sale) — nell’ottica di una maggiore tracciabilità — ha ridotto il peso dei circuiti di pagamento come Visa, Mastercard, American Express, Diners (per le carte di credito) e Pagobancomat e Maestro (per le carte di debito). Che si frappongono nella filiera e ne alzavano i costi a valle per gli esercenti e per gli utenti”.

“Spiega Valeria Portale, direttrice dell’Osservatorio mobile paymentdel Politecnico di Milano, che i pagamenti elettronici funzionano con un modello ‘a quattro parti’ in cui ognuna di esse recitava fino all’anno scorso uno spartito a sé: ‘Da un lato c’è l’esercente che si dota di un dispositivo Pos contrattandolo con una banca che ne ricava un margine per ogni transazione effettuata. Dall’altro c’è l’utente che si dota di una carta di credito o di debito e ne paga l’uso con una commissione annuale che gira alla banca emittente. Per far dialogare il Pos e la carta ci sono altri due attori. I circuiti, come Visa, Mastercard e Pagobancomat che ne ricavano un ulteriore margine di intermediazione. E gli operatori di processo, come Sia, che garantiscono tecnicamente l’operatività della transazione'”.

“Bruxelles ha imposto un tetto alle commissioni: 0,2 % del valore dell’operazione per i circuiti di carte bancomat, 0,3% per i circuiti di carte di credito, 0,1% per gli operatori di processo. Il costo del Pos per gli esercenti è crollato. Calcola la Banca centrale europea del 30% nell’ultimo anno. ‘Le banche hanno cominciato a farsi una concorrenza spietata sui Pos — racconta Sergio Boccadutri, responsabile area Innovazione del Pd — e hanno finito per giovarne i commercianti. Ma chi ne ha usufruito di più sono stati i colossi del largo consumo, come Ikea, Carrefour, Esselunga, Coop che effettuano centinaia di migliaia di transazioni elettroniche ogni anno ricavandone un maggiore peso negoziale nei confronti degli istituti di credito'”.

“D’altronde la trattativa tra esercente e banca/gestore del Pos si gioca ormai su quella forbice — compresa tra lo 0,5 e lo 0,8 per cento del valore della transazione. Più si è attori grandi del commercio più il peso della commissione è nella parte bassa di questa forchetta. Viceversa, se si è un piccolo negozio di alimentari il costo di utilizzo del Pos raggiunge la parte più alta. Ma raramente supera — nel complesso — l’1 -1,2 per cento del valore della transazione. ‘Segno che i tempi sono maturi per sanzionare chi non accetta pagamenti elettronici’, aggiunge Boccadutri. Sanzioni lievi. Comprese tra i 10 e i 30 euro. Non di più”.

To Top