Blitz quotidiano
powered by aruba

BlackBerry cede ad Apple e Samsung: non produrrà più cellulari

OTTAWA – Dopo Nokia, anche BlackBerry soccombe ad Apple e Samsung e dice addio alla produzione di telefoni cellulari. La società canadese non li produrrà più, e si concentrerà solo sullo sviluppo di software e servizi per spingere la crescita.

La produzione degli ware sarà gestita da partner oltreoceano, con l’accordo raggiunto con un’azienda indonesiana, la PT Tiphone Mobile Indonesia, che produrrà e distribuirà in subappalto dispositivi BlackBerry, facendo incassare alla casa canadese una percentuale su ogni telefono venduto con lo storico marchio.

La decisione arriva dopo molti tentativi di ripresa, ricorda Bruno Ruffilli su La Stampa, l’ultimo dei quali era il più radicale: abbandonare il sistema operativo proprietario per adottare la piattaforma Android. Ma al mercato la scelta non è piaciuta.

D’ora in avanti BlackBerry darà in licenza software e servizi, e incasserà una percentuale su ogni telefono venduto con lo storico marchio.

L’annuncio, sottolinea Repubblica, è arrivato durante la presentazione dei conti trimestrali del gruppo, andati meglio del previsto. Nel trimestre terminato il 31 agosto, BlackBerry ha riportato perdite nette per 372 milioni di dollari, -71 centesimi per azione, contro l’utile per 51 milioni, 24 centesimi per azione, dello stesso periodo dell’anno scorso. Il fatturato è calato da 490 a 334 milioni di dollari, in questo caso peggio dei 392 milioni previsti.

L’amministratore delegato del gruppo, John Chen, si dice fiducioso: “Le fondamenta finanziarie sono solide e l’orientamento verso il software sta guadagnando slancio. La strategia sta raggiungendo un punto di svolta”.


PER SAPERNE DI PIU'