Blitz quotidiano
powered by aruba

Borsa Milano, Brexit peggio dell’11 settembre: come una guerra

MILANO – La Borsa di Milano l’11 settembre del 2001 aveva perso il 7,57%. Dopo il crac Lehman Brothers aveva perso l’8,24%. Ma con Brexit è andata ancora peggio, come se fosse scoppiata una guerra: l’indice Ftse Mib ha chiusa la giornata con un pesante -12,48%. In fumo 61 miliardi di euro solo a piazza Affari.

E’ la maggiore perdita da quando è possibile ricostruirne a ritroso l’andamento, dal 1994. L’indice Ftse Mib è operativo dal primo giugno 2009 ed è possibile il calcolo ‘aggiustato’ anteriore sovrapponendolo al precedente indice Mibtel. Nelle fasi del post crac Lehman il Ftse Mib ricalcolato ha segnato un crollo dell’8,24% il 6 ottobre 2008. L’11 settembre 2001 aveva perso il 7,57%.

L’uscita del Regno Unito dalla Ue costa alle Borse europee oltre 637 miliardi di euro. A tanto ammonta la capitalizzazione bruciata, nel venerdì nero dopo l’esito del referendum sulla Brexit, se si guarda al calo dello Stoxx Europe 600. L’indice, che comprende 600 società quotate sui mercati di 18 Paesi del Vecchio Continente, ha perso in una sola seduta l’8,62% mandando in fumo una bella fetta della capitalizzazione della vigilia (7.394 miliardi di euro giovedì) .

La Gran Bretagna esce dall’Europa: 51,8 contro 48,2 è il verdetto delle urne del referendum sulla cosiddetta Brexit, la Britain Exit dalla Unione Europea. Un voto con un esito a sorpresa e dalle conseguenze, al momento, difficilmente prevedibili. Di certo l’esito non lo hanno previsto i sondaggisti, protagonisti di un flop clamoroso: al momento delle proiezioni, infatti, si parlava sì di 52 a 48, ma per la permanenza in Europa della Gran Bretagna. E’ iniziata una giornata drammatica in Borsa. La sterlina è già crollata del 20 per cento, scendendo ai livelli minimi toccati nel 1985. Borse in calo nel mondo: da Shanghai al -3%, drammatiche le aperture dei listini europei. Schizza il prezzo dell’oro, classico bene rifugio. Vanno tutte a picco le Borse europee.

Di seguito le maggiori perdite
segnate dal Ftse Mib negli ultimi 22 anni:

24 giugno 2016 -10,6% (in corso)
6 ottobre 2008 – 8,24%
11 settembre 2001 – 7,57%
10 ottobre 2008 – 7,14%
1 novembre 2011 – 6,80%
14 settembre 2001 – 6,62%
10 agosto 2011 – 6,65%
30 marzo 2009 – 6,57%
11 novembre 2008 – 6,20%
27 aprile 1998 – 6,16%
18 agosto 2011 – 6,15%
2 marzo 2009 – 6,02%
20 febbraio 2009 – 5,88%
5 marzo 2009 – 5,85%
11 febbraio 2016 – 5,63%
10 aprile 2012 – 4,98%
21 febbraio 2013 – 4,89%
21 novembre 2011 – 4,74%.