Economia

Brexit, effetto sul mercato immobiliare inglese: prezzi delle case in picchiata

Brexit, effetto sul mercato immobiliare inglese: prezzi delle case in picchiata
Brexit, effetto sul mercato immobiliare inglese: prezzi delle case in picchiata

Brexit, effetto sul mercato immobiliare inglese: prezzi delle case in picchiata

LONDRA – Nel Regno Unito l’effetto Brexit si fa sentire anche nel mercato immobiliare che sta perdendo impulso e il Daily Mail scrive che i prezzi delle case, per il terzo mese consecutivo, sono scesi. Tra aprile e maggio, il prezzo di una casa media è sceso dello 0,2%, un calo più basso rispetto al mese precedente, quando i prezzi sono scesi dello 0,4%, secondo l’indice dei prezzi di Nationwide Building Society.

I prezzi medi sono aumentati di poco più di 4.900 euro rispetto ad un anno fa, ma il ritmo di crescita è sceso dal 2,6% al 2,1%, il più lento in quasi quattro anni. Dall’ultima recessione, è la prima volta che il prezzo medio scende per tre mesi di seguito.

Robert Gardner, capo economista nazionale, ha dichiarato che non ci sono segnali che la caduta mensile dei prezzi sia stata causata dalle prossime elezioni, potrebbe invece indicare un più ampio rallentamento nel settore delle abitazioni.  “E’ troppo presto per concludere se il rallentamento della crescita dei prezzi delle abitazioni è semplicemente un intoppo, un riflesso dell’impatto della compressione sui bilanci delle famiglie o dovuto alle crescenti pressioni di prezzi accessibili in aree chiave del Paese. A nostro parere, tuttavia, la spesa delle famiglie potrebbe rallentare nei prossimi trimestri, insieme all’economia più in generale, in quanto la crescita dell’inflazione aumenta la pressione sui budget delle famiglie. Ciò, unitamente alle pressioni di prezzi accessibili per le abitazioni, è probabile che rappresenti un ostacolo all’attività e alla crescita dei prezzi delle case nei prossimi trimestri”.

San raffaele

Allo stesso tempo, la Nationwide ha affermato che la carenza di proprietà sul mercato probabilmente continuerà a spingere su prezzi più alti e prevede che, nel corso del 2017, cresceranno del 2% circa.

I redditi reali sono sempre più sotto pressione perché l’inflazione, che ad aprile è salita al 2,7%, ha superato la crescita salariale, pari a 2,4% a marzo di quest’anno, secondo le cifre ufficiali.

Russell Quirk, fondatore e CEO di eMoov.co.uk, ha dichiarato: “I prezzi delle case, insieme al gap rispetto all’utile, hanno continuato ad aumentare ed è uno schema a lungo termine insostenibile. È probabile che nei prossimi mesi il mercato complessivamente si stabilizzerà, quando, dopo le elezioni, le acque si saranno calmate e gli acquirenti ritroveranno piena fiducia”.

L’indagine di Nationwide si aggiunge ad altre recenti indagini che mostrano ugualmente un rallentamento delle crescita dei prezzi. Halifax ha scoperto che i prezzi delle case sono scesi dello 0,2% tra febbraio e aprile, segnando la prima caduta trimestrale da novembre 2012.

Nel frattempo, la crescita dei prezzi delle abitazioni  nelle 20 città più grandi del Regno Unito, rispetto allo scorso anno, è rallentata con il calo dei prezzi a Londra, mentre Manchester e Birmingham hanno visto un’accelerazione nella crescita dei prezzi, secondo Hometrack.

Jonathan Hopper, CEO di Garrington Property Finders, ha dichiarato: “L’ultima volta che i prezzi delle case sono scesi per tre mesi consecutivi è stato nei giorni bui del 2009. Il mercato immobiliare e l’economia da allora sono cambiati ma il 2017 pian piano sta entrando in crisi”.

To Top