Blitz quotidiano
powered by aruba

Brexit, Standard & Poor’s e Fitch tagliano il rating. Outlook negativo

LONDRA – L’esito del referendum sulla Brexit costa caro al Regno Unito. L’agenzia americana  Standard & Poor’s ha tagliato il rating della Gran Bretagna da AAA ad AA, con outlook negativo. Poche ore dopo anche Fitch ha deciso un downgrade per il Regno Unito, abbassando il rating di Londra da AA+ ad AA. Per Fitch il voto in Gran Bretagna “porterà a un quadro politico meno prevedibile, stabile ed efficace”.

Toni simili anche da Standard & Poor’s. La decisione dell’agenzia americana è esplicitamente legata alla decisione del Regno Unito sancita dalla vittoria del Leave sul Remain. “Secondo la nostra opinione, questo risultato è un evento cruciale, che porterà ad un quadro normativo meno prevedibile, meno stabile e meno efficace”, fa sapere in una nota S&P, che ha anche segnalato i possibili voti di Scozia e Irlanda del Nord per lasciare la Gran Bretagna come un ulteriore fattore di instabilità.

L’outlook negativo, che potrebbe comportare un ulteriore taglio del rating da parte di S&P, “riflette i rischi per la prospettiva economica e fiscale” del Paese, e “il ruolo della sterlina come valuta di riserva, insieme anche a rischi per l’integrità costituzionale ed economica della Gran Bretagna, nel caso ci sia un altro referendum per l’indipendenza della Scozia”, fa sapere l’agenzia di rating americana, che ha anche ricordato come il downgrade sia legato anche a “un marcato deterioramento delle condizioni dei finanziamenti esterni, in luce del bisogno elevato di fondi provenienti dall’estero di cui ha bisogno la Gran Bretagna”.

 


PER SAPERNE DI PIU'