Blitz quotidiano
powered by aruba

Canone Rai, nessuna maxi-stangata per chi non ha mai pagato

La Rai ha precisato che non sono cambiate le norme che sanzionano l’evasione del canone e che l’addebito in bolletta riguarda solo l’importo dovuto dal primo gennaio 2016.

ROMA – Sul pagamento del canone Rai nella bolletta energetica, la tv di Stato continua a fornire chiarimenti per evitare inutili allarmismi. In merito all’articolo pubblicato su Il Giornale sul rischio di maxi-stangata per chi non ha versato la tassa sulla televisione negli anni precedenti, l’azienda ha precisato che non sono cambiate le norme che sanzionano l’evasione del canone e che l’addebito in bolletta riguarda solo l’importo dovuto dal primo gennaio 2016.

Luigi Coldagelli, responsabile relazioni con i media dell’ufficio stampa Rai, ha spiegato:

1) Le norme che sanzionano l’evasione del canone non sono state modificate dalla Legge di Stabilità. Le modalità di riscossione del canone mediante addebito nella bolletta elettrica riguardano quindi esclusivamente i canoni maturati dal 1 gennaio 2016 e non eventuali arretrati.

2) Per quanto riguarda il canone dovuto dalle imprese che esercitano attività di vendita e riparazione di apparecchi televisivi, si ricorda che dal 2002 non è dovuto il canone ordinario per gli apparecchi televisivi che i rivenditori e riparatori tv detengono per la vendita e riparazione, come chiarito anche nelle Faq del sito www.canone.rai.it. Resta fermo, invece, l’obbligo di corrispondere il canone speciale nell’ipotesi in cui siano detenuti apparecchi televisivi per usi diversi dalla vendita o riparazione.

3) Sono stati da giorni avviati positivi contatti con Aires-Confcommercio per chiarire tutti i singoli dubbi degli associati con la consueta e doverosa finalità di offrire servizio e assistenza dell’utenza. Si ricorda infine che la Rai ha istituito il Numero verde gratuito per fornire chiarimenti ai cittadini in merito al canone tv: il servizio è attivo dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 21.