Blitz quotidiano
powered by aruba

Canone Rai: quel milione che chiede l’esenzione

ROMA – Canone Rai: quel milione che chiede l’esenzione. Esattamente, sono 817mila gli italiani che hanno richiesto l’esenzione dal pagamento del Canone Rai, da quest’anno – da luglio – per la prima volta abbinato alla bolletta della fornitura elettrica. Numero e consistenza dei no-canone Rai provvisti dei requisiti (in prima fila chi dichiara di non possedere la tv) sono stati illustrati dal direttore dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi.

La quale ha spiegato come l’Agenzia abbia dovuto fare i salti mortali per fornire alle società elettriche tutti i dati entro luglio, appunto, per ottemperare al decreto che impone il mese di luglio come dead line.

“E’ in corso in questi giorni la trasmissione all’Acquirente unico da parte dell’Agenzia delle Entrate delle informazioni sui soggetti che non devono pagare il canone mediante accredito nelle fatture elettriche. Alla scadenza prevista sono state presentate 817 mila dichiarazioni sostitutive di cui 220 mila per via telematica”, ha affermato Rossella Orlandi nel corso di un’audizione alla Camera sull’anagrafe tributaria.

Orlandi, “se utente corretto non paga seconde case”. “E’ solo nell’ipotesi che un cittadino abbia più utenze elettriche intestate con la tariffa agevolata per prima casa, il che vorrebbe dire che è scorretto, che o cambia tariffa oppure paga il canone Rai” anche sulla seconda casa ha aggiunto Rossella Orlandi, spiegando che “è una questione di correttezza” e che “se il cittadino ha correttamente una tariffa non residenziale per le utenze delle seconde o terze case non è tenuto a pagare” più volte il canone e non deve fare niente.